Benvenuti in Vallo Notizie 24

Vallo notizie 24 è il primo blog news che si occupa di notizie di attualità,approfondimenti e curiosità nel territorio del vallo di diano...

Puoi inviarci comunicati stampa, notizie locali ed eventuali approfondimenti al seguente indirizzo info@vallonotizieventiquattro.it Vallo Notizie 24 è un prodotto di proprietà targato Miludasite con Sede a Sala Consilina (SA) e Napoli (NA) - Italy - Note legali Partita IVA IT04676230651

19/01/17

Disoccupazione nei paesi in provincia di Salerno. Il Vallo di Diano apre la classifica


Pertosa è il paese con il più alto tasso di disoccupazione in provincia di Salerno. Mentre Caggiano è il centro con meno disoccupati. E’ quanto emerge dalle elaborazioni del sito Urbistat su dati ISTAT, relative ai 158 paesi della provincia salernitana. I dati fanno riferimento all’anno 2015. A guidare la classifica è, dunque, Pertosa, con un tasso pari al 26,9%. Il centro delle grotte è seguito da Laurino (25,6), Rofrano (25,2), Castelnuovo di Conza (23,1) e Bracigliano (22,9). Per quel che riguarda gli altri paesi del Vallo di Diano e limitrofi, al 48° posto si piazzano Buonabitacolo e Polla, con un tasso di disoccupazione pari al 17,8%, al 61° troviamo Montesano S/M (17,1), al 66° Monte San Giacomo (16,8), al 78° San Rufo (16,2) ed al 93° Sassano (15,5). In merito ai “piazzamenti” oltre il 100° posto, Teggiano è al 111° con un tasso pari al 14,7%, al 114° Sanza (14,5), al 117° Casalbuono (14,4), al 118° Padula (14,3), al 123° Atena Lucana (14,2), al 126° Sala Consilina e Sant’Arsenio (13,9) ed al 148° Auletta (12,4). A chiudere la graduatoria dei comuni salernitani, presentando il minor tasso di disoccupazione secondo l’Urbistat, sono i centri di San Pietro al Tanagro, al 157° posto con l’11,2% e quello di Caggiano, con l’11,0%. Il dato medio di disoccupati nel comprensorio valdianese è pari al 15,9%. Nel 2013, facendo riferimento agli stessi dati, era al 17,3%. In due anni si è registrato, quindi, un calo dell’1,4%. Nello specifico, i paesi in cui il tasso, nel giro di 2 anni, si abbassato di più sono Sant’Arsenio e Caggiano (- 0,8%) – Cono D’Elia –ondanews-

Sala Consilina: furto di rame e ferro all’interno di un deposito. Arrestati due rumeni


I Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, agli ordini del Tenente Davide Acquaviva, nella giornata di ieri hanno tratto in arresto due uomini di nazionalità rumena per il reato di furto. I due, legati anche da un rapporto di parentela, hanno messo a segno un furto di rame, ferro ed altro materiale che si trovava stoccato all’interno di un deposito. Questa mattina presso il Tribunale di Lagonegro si è svolta l’udienza di convalida degli arresti. Entrambi hanno patteggiato la pena. Uno dei due arrestati, incensurato, è stato condannato alla pena di 5 mesi di reclusione e 270 Euro di multa con pena sospesa, per l’altro invece la condanna è stata ad 8 mesi di reclusione, 600 Euro di multa e la conversione della pena in lavori di pubblica utilità. Entrambi sono stati rimessi in libertà. – Erminio Cioffi –ondanews-

Terremoto Centro Italia. FATA Onlus di San Pietro al Tanagro in partenza verso i luoghi del sisma


Un gruppo di volontari dell’associazione di Protezione Civile Fata Onlus di San Pietro al Tanagro nelle prossime ore partirà per portare aiuti agli abitanti di uno comuni colpiti dal sisma dello scorso agosto e ora colpiti anche dall’ondata di maltempo e dalle abbondanti nevicate che in questi giorni stanno creando notevoli problemi a chi è rimasto senza casa. Marianna Iannone “Facciamo parte del gruppo ‘Io non crollo’– spiega Marianna Iannone, responsabile del gruppo di Protezione Civile – e attendiamo di sapere da loro quale sarà la nostra destinazione. A partire sarà un gruppo di cinque volontari con un carico di beni di prima necessità ed altro materiale necessario per proteggere dal freddo le persone e gli animali. Probabilmente partiremo domani e a breve dovremmo conoscere quale sarà il comune che dovremo raggiungere”. Il gruppo si muoverà a bordo di un fuoristrada con un carrello appendice così da poter raggiungere senza problemi la destinazione che gli sarà assegnata. “La situazione è veramente disperata – racconta Marianna Iannone – ci sono persone completamete isolate e tanti allevatori che dormono nelle stalle per prendersi cura degli animali e per quanto possibile proteggerli dal freddo. Noi nel nostro piccolo faremo di tutto per aiutare queste persone”. – Erminio Cioffi –ondanews-

Piano Sociale di Zona S10, prorogata la scadenza per le richieste di assistenza domiciliare per anziani e disabili


Il Piano Sociale di Zona S10 proroga la scadenza per l’acquisizione di richieste per l’accesso ai Servizi di Assistenza Domiciliare in favore di persone anziane e fragili anche non autosufficienti, in Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) e in Servizio di Assistenza Domiciliare (SAD).“La nuova scadenza –comunica il responsabile del Piano Sociale di Zona Antonio Domenico Florio- è fissata alle ore 12:00 di lunedì 6 febbraio, ed arriva dopo che ad oggi non si è raggiunto il limite massimo di utenti stimati da prendere in carico rispetto alla programmazione complessiva per l’accesso ai Servizi da parte dei residenti nei comuni del territorio di competenza del Piano”. I cittadini interessati sono quelli di 19 comuni: Atena Lucana, Auletta, Buonabitacolo, Caggiano, Casalbuono, Monte San Giacomo, Montesano sulla Marcellana, Padula, Pertosa, Petina, Polla, Sala Consilina, Salvitelle, San Pietro al Tanagro, San Rufo, Sant’Arsenio, Sanza, Sassano e Teggiano. I destinatari del servizio ADI sono le persone ultrasessantacinquenni residenti nell’Ambito S10, ed in particolare: Anziani in età pensionabile non autosufficienti; Anziani in età pensionabile autosufficienti ma che vivono soli, con difficoltà di ordine relazionale, sanitario o sociale; Malati terminali, o soggetti con temporanea inabilità privi di un’adeguata rete di supporto. Gli utenti cui si prevede di destinare il servizio si stimano in numero pari almeno a 340. I destinatari del servizio SAD sono le persone ultrasessantacinquenni residenti nell’Ambito S10 che si trovano in situazioni di disagio o in situazione d’indigenza sociale per Precarietà dello stato di salute; Limitata autonomia per minorazioni psico-fisiche; Assenza o fragilità della rete familiare; Limitato reddito. Gli utenti cui si prevede di destinare il servizio si stimano in numero pari almeno a 120. Destinatari del servizio sono anche le persone disabili al di sotto dei 65 anni di età residenti in uno dei 19 comuni nell’Ambito S10. Gli utenti cui si prevede di destinare codesto ai servizi di Assistenza Domiciliare a carattere Socio-assistenziale (ADS) e all’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) si stimano in numero pari almeno a 80. Le richieste per l’accesso ai Servizi possono essere presentate recandosi presso gli sportelli sociali comunali nei giorni di apertura al pubblico. La domanda sarà compilata a cura dell’assistente sociale competente mediante procedura on-line. Non si potranno presentare richieste ai servizi in forma cartacea.-italia2tv-