Benvenuti in Vallo Notizie 24

Vallo notizie 24 è il primo blog news che si occupa di notizie di attualità,approfondimenti e curiosità nel territorio del vallo di diano...

Puoi inviarci comunicati stampa, notizie locali ed eventuali approfondimenti al seguente indirizzo info@vallonotizieventiquattro.it Vallo Notizie 24 è un prodotto di proprietà targato Miludasite con Sede a Sala Consilina (SA) e Napoli (NA) - Italy - Note legali Partita IVA IT04676230651

27/04/17

San Pietro al Tanagro, ancora polpette avvelenate destinate ai cani randagi: è allarme


Raccapricciante scoperta a San Pietro al Tanagro. Ancora una volta sono state rinvenute delle polpette avvelenate destinate, quasi sicuramente, ai cani randagi della zona. Una fenomeno quello del randagismo che attanaglia diversi centri del Vallo di Diano. In particolare nei piccoli centri di San Pietro al Tanagro e di Sant’Arsenio sono diversi i casi registrati di polpette ed esche di vario tipo avvelenate e destinate ai cani randagi. Le polpette ritrovate in questi giorni contenevano diversi tipi di sostanze velenose e mortali per i cani: compresse utilizzate per patologie legate alla tossicodipendenza, veleno per lumache e compresse anticoagulanti. L’ipotesi più accreditata è che fossero destinate ad un gruppo di cani che si aggira nella zona, in aperta campagna (poco lontano da un ex canile) da molti conosciuti come animali innocui. Il problema c’è. Ma sicuramente le polpette avvelenate non sono la soluzione migliore. Fondamentale sul territorio anche il lavoro svolto da un gruppo di volontari che spesso prendono in cura i cani ammalati e si occupano anche della sterilizzazione, che continua ad essere la soluzione più efficace per evitare la nascita di nuovi cuccioli purtroppo destinati ad essere nuovi cani randagi. Intanto, il Comune di Sant’Arsenio ha avviato un procedimento per la selezione di una struttura accredita che si occupi del servizio di ricovero, mantenimento e custodia dei cani randagi accalappiati nel territorio di Sant’Arsenio.-italia2tv-

18/04/17

Sequestrate 450mila buste ecologiche “taroccate” in una nota azienda del Vallo di Diano Denunciato il responsabile dell'azienda


La Tenenza della Guardia di Finanza di Sala Consilina, agli ordini del Luogotenente Giuseppe Iannarelli, ha sequestrato 450mila shoppers taroccate, realizzate con materiale non biodegradabile e compostabile, contrariamente a quanto, invece, prescrive la legge, secondo cui le buste di plastica utilizzate per gli acquisti per essere sul mercato devono essere ecologiche. L’operazione si è svolta attraverso l’esecuzione di prelievi di campioni e analisi fisico-chimiche effettuate presso i laboratori Arpa che hanno certificato l’utilizzo, nella produzione delle buste, di polietilene (composto chimico vietato dalla legge) in luogo dei previsti polimeri biodegradabili e compostabili. L’attività illecita, oltre ai gravi danni che arreca all’ambiente, costituisce una frode perpetrata ai danni dei cittadini e dei commercianti onesti che, considerato il numero di buste usate ogni anno in Italia (qualche miliardo, pagate in media meno di 10 centesimi l’una), assume l’indiscutibile carattere di business milionario. Il responsabile dell’azienda, ubicata a Sassano, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. – ondanews -

18 APRILE 2017 Da Sassano a Pechino.Felice Trotta, giovane sassofonista,scelto per suonare nella capitale cinese


Felice Trotta è un giovanissimo talento del Vallo di Diano, con una forte passione per la musica e per lo strumento che lo sta accompagnando in un’entusiasmante avventura in terra orientale. A soli 19 anni è partito da Sassano, il paese in cui vive insieme alla sua famiglia, per raggiungere Pechino dopo essere stato scelto per far parte di un’orchestra di sassofoni che si sta esibendo in questi giorni proprio nella capitale cinese. A suonare per il pubblico orientale sono 12 giovani promesse della musica classica nazionale in tournée sotto la direzione dei Maestri Mondelci, Venturi e Domizi. Tra i talentuosi musicisti italiani anche il giovane sassofonista sassanese che studia il livello superiore del Conservatorio “Gioacchino Rossini” di Pesaro, allievo del Maestro Federico Mondelci, tra i massimi riferimenti al mondo per ciò che concerne lo studio del sassofono classico. Felice e i suoi compagni d’avventura musicale sono partiti agli inizi di aprile e si esibiranno a Pechino fino al 20, impegnati nei concerti alla facoltà di Musicologia della Normal University e in quello all’interno del rinomato Conservatorio della capitale. E’ di sicuro un ennesimo importante successo quello che in questi giorni sta vivendo il talentuoso sassofonista valdianese già vincitore di numerosi premi nazionali e internazionali, tra cui la prestigiosa borsa di studio del Festival delle Nazioni di Città di Castello (PG) come “Miglior sassofonista”. – Chiara Di Miele –ondanews-

11/04/17

“Troppi accertamenti sulle PMI salernitane”, la denuncia dell’Ordine dei commercialisti di Sala Consilina ai vertici provinciali dell’Agenzia delle Entrate


La tutela delle piccole imprese gravate da un numero eccessivo di accertamenti da parte dell’Agenzia delle Entrate. E’ stato uno dei temi portanti dell’incontro che si è tenuto ieri, presso la sede della Direzione Provinciale dell’Agenzia delle Entrate, tra i rappresentanti degli Ordini dei Commercialisti ed Esperti Contabili della provincia di Salerno e il direttore provinciale dell’Agenzia delle Entrate, dott. Emilio Vastarella ed i direttori delle agenzie territoriali. La questione degli accertamenti nei confronti delle piccole imprese è stata sollevata, in particolare, dal dott. Gaetano Romanelli e dal dott. Angelo Pagano, rappresentanti dell’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Sala Consilina. “Abbiamo portato all’attenzione dei vertici dell’Agenzia delle Entrate – hanno sottolineato Romanelli e Pagano – la problematica relativa ai numerosi avvisi di accertamento sulle piccole imprese ed in special modo la metodologia con cui questi vengono effettuati nei confronti di imprese gravate da oneri e da un peso fiscale eccessivo e spesso sproporzionato rispetto all’imponibile che dovrebbero effettivamente dichiarare”. La Direzione Provinciale dell’Agenzia delle Entrate si è detta disponibile a discutere della questione in un tavolo al quale prenderanno parte gli Ordini dei Commercialisti e i responsabili degli accertamenti nei confronti delle piccole imprese. “Accogliamo con favore – concludono Pagano e Romanelli – l’apertura da parte dell’Agenzia delle Entrate e invitiamo i colleghi a segnalare agli Ordini di appartenenza ed alla Direzione Provinciale, eventuali disfunzioni ed anomalie anche in sede di pre contenzioso”.-ITALIA2TV-