Passa ai contenuti principali

Post

Sala Consilina: i Vigili del Fuoco in festa per onorare la protettrice Santa Barbara

Si è svolta ieri sera, presso la chiesa della Santissima Trinità a Sala Consilina, la Santa Messa in onore di Santa Barbara, protettrice dei Vigili del Fuoco, della Marina Militare, degli artiglieri, degli artificieri e di tutti coloro che lavorano con il fuoco. Ad officiare la cerimonia è stato il Vicario Generale della Diocesi di Teggiano – Policastro don Giuseppe Radesca, insieme al parroco don Gabriele Petroccelli. “E’ una gioia vedere questa chiesa piena di persone devote a Santa Barbara – ha esordito don Giuseppe Radesca – Ma è una gioia vedere anche le istituzioni e gli amici che spendono il proprio tempo e il proprio cuore per salvare gli altri. Siamo grati al Signore perché nel nostro cammino quotidiano ci mette accanto delle persone che ci amano, ci proteggono e corrono in soccorso quando siamo in difficoltà“. Presenti Adriano De Acutis, Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, i caschi rossi del Distaccamento di Sala Consilina e i colleghi del Distaccamento di Lauri…
Post recenti

Furti nel Vallo di Diano: parte della merce ritrovata a Pontecagnano. Indagini in corso

Nei giorni scorsi diversi furti si sono registrati furti tra Sala Consilina e Teggiano. La merce rubata o almeno parte di essa è stata per fortuna ritrovata questo pomeriggio lungo la litoranea di Pontecagnano da parte della Polizia locale guidata dal comandante Francesco Lancetta. Auto, moto e altro materiale elettrico è stato ritrovato da parte degli agenti. Sul posto anche i carabinieri. Sono in corso accertamenti da parte delle forze dell’ordine per ricostruire il tutto.-italia2tv-

Basket. Il presidente del comitato campano Fucile: «A Sala Consilina ho trovato un ambiente speciale»

Anni Settanta, le coppe europee parlavano principalmente la «lingua del sì». Tra un trionfo e l’altro dell’accoppiata Varese-Cantù, ci fu gloria anche per una squadra del Mezzogiorno: la Fides Napoli, vincitrice della Coppa delle Coppe nel 1970. In panchina sedeva il carismatico Tonino Zorzi, in campo dettavano legge il centro americano Jim Williams, i fratelli Antonio e Vincenzo Errico ed un napoletano dalla mira infallibile: Manfredo Fucile. Nella carriera di Fucile, non c’è solo l’impresa compiuta nella finale di ritorno della Coppa delle Coppe contro i francesi della Jeanne d’Arc Vichy-Clermont: terminata l’esperienza con la Partenope, il tiratore nato a Barra contribuì nel 1978 alla promozione in A2 della Juvecaserta che, in poco meno di un decennio, sarebbe diventata la più autorevole antagonista delle superpotenze della nostra pallacanestro. La storia d’amore per la palla a spicchi è proseguita anche dopo l’addio ai parquet: Fucile riveste da dieci anni la carica di presidente…

Chiusura punto nascita di Polla. I sindaci si incontrano: “L’unica strada percorribile è il ricorso al Tar”

Il ricorso al Tar è l’unica strada percorribile per scongiurare la chiusura del punto nascita di Polla, insieme a quello dell’ospedale di Sapri. L’incarico di presentare il ricorso è stato affidato all’Avvocato Nicola Senatore. E’ questo in sintesi quanto emerso ieri nel corso della riunione tenutasi nell’aula consiliare del comune di Polla, convocata dal sindaco Rocco Giuliano che ha voluto incontrare i primi cittadini del territorio per non abbassare la guardia sul provvedimento di chiusura dei punti nascita che tra meno di un mese diventerà attuativo. In realtà la scadenza immediata aveva fatto presupporre che i sindaci volessero intraprendere gesti più clamorosi, ma sembra che gli amministratori del territorio siano tutti abbastanza positivi sulla concessione della deroga per il punto nascita di Polla. Lo stesso Giuliano si è detto “Molto fiducioso”. L’incontro di ieri è stata occasione anche per discutere delle tante problematiche che affliggono il “Luigi Curto” e anche dei pro…

Polla:in Consiglio si torna a discutere del Punto Nascita,Giuliano annuncia i prossimi passi da compiere

Si è svolto ieri a Polla il Consiglio comunale che ha avuto come punti all’ordine del giorno la presentazione del Documento Unico di Programmazione per il periodo 2019/2021 e le variazioni al bilancio pluriennale 2018/2020. Prima dell’inizio della discussione, il sindaco Rocco Giuliano ha voluto precisare, circa l’argomento della chiusura del Punto Nascita dell’ospedale “Curto” che “è stato richiesto un tavolo tecnico prima del 5 dicembre, giorno in cui la Regione ripresenterà la richiesta di deroga, corredata da nuova documentazione, perchè vogliamo prendere visione dei documenti prima che vengano sottoposti all’attenzione del Governo. Alla richiesta dovrà seguire il responso dell’Esecutivo entro 10 giorni, quindi per il 15 dicembre dovremmo avere l’esito dell’annosa questione“. Inoltre, ha proseguito Giuliano “abbiamo fissato un incontro al Comune di Polla con il senatore Castiello sabato 1° dicembre alle ore 15.30 perchè l’onorevole vuole spiegare come si sta svolgendo la vicend…

Ritrovato senza vita in montagna, è stato sepolto senza nome lo sconosciuto di Petina

E’ stato sepolto senza un’identità quello che sulle pagine dei giornali degli ultimi mesi è stato appellato come “lo sconosciuto di Petina“, un uomo di circa 30 anni ritrovato senza vita da un escursionista di Caggiano nello scorso mese di luglio sul Monte Figliolo a Petina. A settembre, infatti, dopo serrate indagini condotte dai Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, il cadavere senza nome ha trovato degna sepoltura nel cimitero del paese in cui è stato ritrovato. Gli uomini del Capitano Davide Acquaviva hanno lavorato strenuamente per tentare di risalire alla sua identità, anche attraverso eventuali denunce di scomparsa, ma il giovane sembra non essere mai esistito, addirittura prima della morte, dato che sembrerebbe che nessuno lo abbia cercato non vedendolo rientrare a casa Dall’aspetto non si tratterebbe di un clochard o di chi vive in condizioni di disagio. Il corpo era atletico e ben curato, la carnagione medio scura o comunque molto abbronzata. Un genere di fototip…

Cinghiali creano danni a persone e terreni: il Parco deve risarcire

Danni a terreni agricoli e anche a una persona arriva la condanna di risarcimento per il Parco nazionale del Cilento Vallo di Diano e Albumi. La sentenza arriva al termine del processo che si è svolto davanti al Giudice di Pace di Sala Consilina. L’Ente Parco é stato condannato al pagamento di una somma di poco inferiore ai quattromila euro (3986,61 centesimi) per risarcire l’uomo difeso dall’avvocato Antonio Peluso. Secondo quanto emerso nel corso del procedimento i fatti risalgono all’estate scorsa quando i cinghiali oltre ad aver danneggiato il terreno hanno anche ferito un uomo. La sentenza è arrivata in tempi rapidissimi, a distanza di circa tre mesi dall’inizio del processo ed é uno dei primi casi fel genere.-italia2tv-