Passa ai contenuti principali

Tribunale & Ricorso al TAR, cartelle di Equitalia a 9 avvocati. Il comune di Sala C.na paga 4.500 euro

Nella giornata di oggi, il sindaco di Sala Consilina, Francesco Cavallone, con una determina, ha data mandato ufficiale al dirigente dell’Area Finanze, di pagare la somma, relativa ai contributi dovuti per il Ricorso presentato al TAR contro il trasferimento del Tribunale a Lagonegro, che Equitalia aveva poi chiesto agli avvocati di Sala Consilina, i quali apposero la loro firma in calce al ricorso.La somma richiesta da Equitalia era di 4mila 250 euro e gli avvocati resero nota la vicenda sostenendo che quelle spese dovevano essere sostenute dal Comune, che invece dal canto suo, nella persona del Sindaco Cavallone ha sempre ritenuto che il Comune non doveva pagare quella somma, salita oggi a circa 4.500 euro, perchè la cifra impegnata attraverso la relativa delibera per il Ricorso al TAR era di molto inferiore ed era stata già corrisposta. La vicenda è stata resa nota, lo scorso mese di maggio, dai nove avvocati ai quali era giunta la richiesta di pagamento da Equitalia. Tornando indietro ci circa due anni, tutto ha avuto inizio, quando il Sindaco dell’epoca, Ferrari, nel periodo di trasferimento del presidio di giustizia da Sala Consilina a Lagonegro, nel mese di Settembre 2013, chiese agli avvocati di firmare il ricorso al TAR per dargli consistenza: il ricorso infatti poggiava sull’inagibilità e l’inadeguatezza del Tribunale di Lagonegro, e dunque a sostenere la tesi non poteva essere solo lo stesso Comune salese. Il sindaco Ferrari, e dunque l’amministrazione comunale salese dell’epoca, assicurarono -sempre secondo quanto riferito dagli avvocati- anche attraverso una delibera che le spese del ricorso sarebbero state a carico del Comune. Promessa mantenuta dallo stesso Ferrari, il quale finchè è stato in carica ha assicurato il pagamento del contributo unificato per il ricorso e delle altre spese notificate. Il problema è nato però dopo che il ricorso è stato respinto ed archiviato, e dopo che il TAR ha effettuato nuovi conteggi, dai quali è emerso che c’era una quota aggiuntiva da pagare, pari ad ulteriori 1250 euro. Cavallone, successore di Ferrari, seppur sostenendo che il pagamento non spettava al comune ha ufficializzato, oggi, il mandato di pagamento. La vicenda, quindi, sembrerebbe conclusa, a meno di eventuali “rivalse” economiche dell’amministrazione salese nei confronti dei nove avvocati.-italia2tv-

Commenti

  1. truly read through anything like that before. So
    good to discover someone with genuine thoughts on thisblackmart alpha download
    garageband for android

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…

San Pietro al Tanagro, presentato “Muoviamoci in bici”, il servizio di Bike Sharing comunale

È stato presentato questa mattina a San Pietro al Tanagro il nuovo servizio di Bike Sharing comunale denominato “Muoviamoci in bici”.Già a partire da oggi si possono ritirare le schede, secondo il regolamento già pubblicato, presso gli uffici comunali o, in alternativa, presso l’esercizio commerciale convenzionato con l’Ente, la cartolibreria sita in Piazza Enrico Quaranta “Gocart” di Giovanni Graziano. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Assessore al Turismo Antonio Pagliarulo, e questa mattina è stata presentata in particolare ad una platea di giovanissimi. Entusiasta il sindaco Domenico Quaranta, che auspica una replica del Bike Sharing anche in altri comuni del Vallo di Diano, in modo da creare stazioni intercambiabili dove poter prendere a nolo o consegnare le biciclette elettriche. Intanto a San Pietro al Tanagro sono due le Stazioni al momento attive, e 20 le bici disponibili, ad un prezzo davvero competitivo: 0,25 centesimi per ogni ora.-italia2tv-