Passa ai contenuti principali

“Volevo la droga senza pagare e ho ucciso”.La drammatica confessione di Karol Lapenta dinanzi al Giudice


Ero andato all‘appuntamento con Pascuzzo con il coltello perchè volevo 50 grammi di erba senza pagare”. E’ questa la drammatica quanto inquietante frase riferita da Karol Lapenta, il 18enne reo confesso dell’omicidio di Antonio Alexander Pascuzzo, durante l’interrogatorio tenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Lagonegro Vincenzo Saladino. Una furia cieca quella del giovane apprendista macellaio, dettata dal bisogno di impossessarsi di un modesto quantitativo di marijuana. “Pascuzzo mi aveva detto che il prezzo di quell’erba era 500 euro, ma io non avevo quella somma con me”. Non un litigio, non un dissidio: Pascuzzo, secondo la ricostruzione resa in fase di confessione da Lapenta, avrebbe appoggiato il sacchetto vicino ad una tavola che chiude il capannone dismesso nei pressi della piscina per nasconderlo. “Per paura di essere scoperto con l’erba addosso, così sarei passato in un secondo momento a prenderlo” la giustificazione di Lapenta. Ma il giovane ha già un disegno criminoso: dopo che ha posato la marijuana, Pascuzzo viene colpito con una coltellata al costato sinistro. Un colpo a sorpresa, tanto che l’ultima frase pronunciata dal giovane italo peruviano prima di morire è “Lasciami, per favore”. Lapenta lo colpisce alle spalle e, infine, con un calcio in viso. A conclusione lo trascina nel torrente Peglio, dove è stato rinvenuto lo scorso 14 aprile. Il coltello è stato poi lasciato su un muretto in via Paolo Borsellino a Buonabitacolo. Una tragedia, come conferma il giovane reo confesso, per la droga: i 50 grammi di marijuana sono stati sottratti e fumati dallo stesso Lapenta che, dopo il gesto, come ha raccontato in fase di confessione, si è recato al Centro Cupola di Buonabitacolo con altri ragazzi dove si è intrattenuto a chiacchierare. Di ritorno, il giovane ha preso il coltello da macellaio e lo ha ripulito e riposto nel suo zainetto. “Mi sono reso conto della gravità di quello che ho fatto ma non ho parlato a nessuno di questo fatto” ha aggiunto in confessione Lapenta. Il giovane si trova attualmente detenuto presso la Casa Circondariale di Potenza: il Gip, che non ha convalidato il fermo, ha disposto la custodia cautelare in carcere, accogliendo le richieste del Pubblico Ministero per i gravi indizi di colpevolezza. Nei giorni scorsi la Procura della Repubblica di Lagonegro ha conferito l’incarico per una perizia psichiatrica al dottore Camillo De Lucia. Entrambe le difese della famiglia Pascuzzo e Lapenta hanno nominato un consulente tecnico di parte.-ONDANEWS-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Trovato senza vita sotto il Ponte Valiterno a Sacco il 35enne di Sala Consilina Diego Campiglia

È stato trovato senza vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno lungo la Strada Provinciale 11 del Corticato, nei pressi del centro abitato di Sacco, Diego Campiglia, il 35enne di Sala Consilina di cui non si avevano più notizie da ieri pomeriggio. Le ricerche del giovane si sono protratte per tutta la notte e questa mattina è avvenuto il tragico ritrovamento. Il recupero della salma è stato affidato ai Vigili del Fuoco rocciatori del Comando Provinciale di Salerno. Le tracce del 35enne si erano perse subito dopo uno scontro tra la sua Peugeot ed un’Alfa Romeo Giulietta avvenuto lungo la SP11. Diego Campiglia si era allontanato dileguandosi nel vuoto. Sul posto per le ricerche sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal Capitano Mannaro Malgieri, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, quelli del Soccorso Alpino Fluviale di Salerno e i volontari di Protezione civile. L’uomo lascia la moglie e due bambine. – Chiara Di Miele…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…