Passa ai contenuti principali

Carenze negli ospedali di Polla e Sant’Arsenio. La denuncia del comitato C.U.R.O e della CGIL


Il Comitato C.U.R.O. e la CGIL, con una nota stampa, segnalano che “nonostante l’atto deliberativo ed le riunioni che ne sono conseguite, il progetto di ristrutturazione dell’ex Presidio Ospedaliero di Sant’Arsenio stenta a decollare, sia per quanto concerne gli interventi urgenti tesi alla conservazione del patrimonio esistente e sia per quanto concerne i più importanti lavori di ristrutturazione interna necessari ad accogliere le strutture RSA e SIR ancora allocate presso la Sede di San Vito, anch’essa in condizioni di degrado piuttosto evidenti”. I lavori iniziati presso il Presidio Ospedaliero di Polla per riorganizzare le attività di Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura, interrotte repentinamente ma dimostratesi indispensabili per un territorio che è lontano da qualsiasi altra struttura dedicata, stentano ad essere completati in maniera da ospitare almeno i posti letto iniziali, previsti dall’ Atto Aziendale e aumentati a 18 dal Piano Sanitario Regionale. “Tra gli acquisti ottenuti – si legge nella nota – prendiamo atto che presso l’ospedale di Polla, verranno istallate le nuove apparecchiature per la Tomografia Assiale Computerizzata (T.A.C.) e la Mammografia digitale con Tomosintesi, motivo per il quale chiediamo che le apparecchiature dismesse, tutt’ora funzionanti, vengano allocate nei locali della radiologia del Presidio Ospedaliero di Sant’Arsenio che presenta le necessarie infrastrutture per ospitarli, in maniera da garantire, qualora si verificasse un’emergenza dovuta a malfunzionamenti, il necessario soccorso ma soprattutto per indirizzare e convergere l’utenza esterna verso il Servizio di Radiologia presente ad esclusiva fruizione territoriale, completando magari la dotazione con un ecotomografo”. A seguito dei rifiuti dei trasferimenti in mobilità di Dirigenti Medici assegnati alle varie unità operative relative ai territori a sud di Salerno (Polla, Sapri e Vallo della Lucania), il Comitato C.U.R.O. e i rappresentanti della CGIL chiedono di bandire procedure di mobilità, inerente il fabbisogno di personale medico, per singole Macrostrutture (Ospedali, Distretti, Dipartimenti) invece che per tutte le strutture sanitarie dell’ASL Salerno. “Chiediamo – continua la nota – al Presidente della Giunta Regionale della Campania, Vincenzo De Luca, e al Direttore Generale Asl Salerno, Antonio Giordano, di attivarsi ognuno per le proprie competenze, affinché siano attivate tutte le azioni necessarie alla razionalizzazione della spesa sanitaria ed alla realizzazione di questo progetto pilota per il territorio dell’ASL di Salerno. Pertanto chiediamo alla Direzione Generale dell’ ASL un incontro urgente nel quale possano essere verificate le tempistiche degli interventi programmati per la realizzazione dei progetti, più volte sollecitati, al fine di evitare il danneggiamento irrimediabile del patrimonio esistente, testimoniato da numerosi episodi poco edificanti, che non si addicono ad una amministrazione civile ed evitando ulteriori ritardi nelle necessarie risposte che attendono da tempo immemorabile i cittadini dei territori a sud dell’Azienda Sanitaria Locale di Salerno”.- ondanews -

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Trovato senza vita sotto il Ponte Valiterno a Sacco il 35enne di Sala Consilina Diego Campiglia

È stato trovato senza vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno lungo la Strada Provinciale 11 del Corticato, nei pressi del centro abitato di Sacco, Diego Campiglia, il 35enne di Sala Consilina di cui non si avevano più notizie da ieri pomeriggio. Le ricerche del giovane si sono protratte per tutta la notte e questa mattina è avvenuto il tragico ritrovamento. Il recupero della salma è stato affidato ai Vigili del Fuoco rocciatori del Comando Provinciale di Salerno. Le tracce del 35enne si erano perse subito dopo uno scontro tra la sua Peugeot ed un’Alfa Romeo Giulietta avvenuto lungo la SP11. Diego Campiglia si era allontanato dileguandosi nel vuoto. Sul posto per le ricerche sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal Capitano Mannaro Malgieri, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, quelli del Soccorso Alpino Fluviale di Salerno e i volontari di Protezione civile. L’uomo lascia la moglie e due bambine. – Chiara Di Miele…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…