Passa ai contenuti principali

Rifiuti, 7 siti contaminati in tutto il Vallo di Diano


Suolo e acque sotterranee contaminate da idrocarburi, metalli e in un caso da agenti cancerogeni nei sette siti da bonificare in altrettanti comuni del Vallo di Diano, su ventiquattro dei quali dovranno essere fatte delle indagini per capire se sono contaminati mentre tre invece sono potenzialmente contaminati.È questo il quadro che viene fuori dal Piano regionale di bonifica della Regione Campania e che è stato pubblicato sull’ultimo numero del Bollettino Ufficiale della Regione da parte della direzione generale per l’ambiente, la difesa del suolo e l’ecosistema che ha approvato l’aggiornamento delle tabelle del piano che contiene l’elenco dei siti contaminati, quello dei siti dove invece le bonifiche sono state portate a termine e di quelli che invece devono essere ancora sottoposti a indagini.La mappatura è stata effettuata tenendo conto delle aree dove è stato registrato smaltimento illegale di rifiuti attraverso combustione non controllata e interramenti ed abbandono di rifiuti di diversa natura. Nel caso del comprensorio del Vallo di Diano, i siti che ancora attendono la bonifica sono la discarica ubicata a Caggiano, in località San Giovanni, la discarica in località Pastena a San Pietro al Tanagro, quella di Sala Consilina in località Sant’Angelo, la discarica comunale in località Difesa a Sant’Arsenio, quella di Sella del Corticato a Teggiano e infine quattro siti di proprietà privata che sono ubicati nei Comuni di Padula (1), Polla (1) e Sala Consilina (2).Andando ad analizzare nel dettaglio la situazione dei singoli siti da bonificare viene fuori che in tutti i comuni del comprensorio ad essere contaminati sono sia il suolo che le acque sotterranee e inoltre che gli agenti contaminanti sono soprattutto metalli ed idrocarburi e nel solo caso di Teggiano invece oltre ai metalli sono stati rilevati come contaminanti anche gli alifatici alogenati cancerogeni. La mappatura dei terreni contaminati è stata realizzata da un gruppo di lavoro istituto da una direttiva interministeriale del 2013, nella quale vegono riportate le indicazioni per lo svolgimento delle indagini tecniche per la mappatura dei terreni della Regione Campania destinati all’agricoltura di cui all’articolo 1, comma 1, del decreto legge 136/2013.Il gruppo composto da rappresentanti di forze dell’ordine, enti, strutture e organismi nazionali e regionali con competenze in materia ambientale e sanitaria, è stato incaricato della mappatura, mediante esecuzione di indagini e utilizzo di strumenti di telerilevamento, dei terreni della Regione Campania che sono destinati all’agricoltura, al fine di accertare l’eventuale esistenza di effetti contaminanti a causa di sversamenti e smaltimenti abusivi anche mediante combustione.Per quanto riguarda i siti potenzialmente contaminati uno privato si trova a Padula, poi un’area agricola di proprietà privata ubicata a Sala Consilina e un’altra area privata a Teggiano. Erminio Cioffi -la città-

Commenti

Post popolari in questo blog

Ritrovato ordigno bellico a Battipaglia. Circa 38mila battipagliesi dovranno essere evacuati

Si è svolta ieri, presso la Prefettura di Salerno, una riunione di coordinamento finalizzata a pianificare le attività connesse alla bonifica di un ordigno bellico, di provenienza anglosassone, ritrovato all’interno di un fondo agricolo nel Comune di Battipaglia. Dai primi approfondimenti è emerso che l’ordigno presenta un innesco a spoletta particolare di tipo a scoppio ritardato, che non consente il trasferimento presso un altro luogo dunque le operazioni di bonifica si svolgeranno necessariamente sul posto. Poiché nel raggio di evacuazione ricadono numerosi servizi ed infrastrutture, compreso l’ospedale “Santa Maria della Speranza”, alla riunione sono stati invitati tutti i gestori delle infrastrutture, ANAS Autostrada A2 del Mediterraneo, ANAS Compartimento Viabilità per la Campania, Trenitalia, R.F.I. – dei servizi e sottoservizi – ASIS Reti ed Impianti, Salerno Energia Distribuzione, ENEL Distribuzione, Telecom Italia e i rappresentanti dell’A.S.L. di Salerno, della Direzione…

Padula (SA) : Un gallo disturba la quiete pubblica e il sindaco lo “sfratta”

Il canto del gallo non è gradito ai vicini di casa che si rivolgono al sindaco per chiederne lo sgombero.Inviati sul posto, i Vigili urbani accertano la presenza nella casa del signor Santino Pompeo, ubicata in via Duca degli Abruzzi di un gallo tenuto sul balcone dell’abitazione e il sindaco ne ordina immediatamente lo sgombero.

Dura la motivazione addotta nell’ordinanza n° 24 a firma del sindaco di Padula Paolo Imparato in cui si legge “Considerato che la presenza di tale animale all’interno di un centro densamente abitato può, vista la stagione estiva, cagionare l’insorgenza di cattivi odori o, addirittura, di malattie, mettendo a rischio la salute pubblica, nonché arrecare disturbo alla pubblica quiete con canti e schiamazzi; Visto l’art. 14 dell’Ordinanza Sindacale n° 66 dell 22/06/1974, Vista la legge n° 833 del 23/12/1978, Vista la legge N° 142 dell’08/06/1990, Visto il vigente statuto comunale, ordina al proprietario Santino Pompeo di allontanare ad horas dalla sua abita…

Le cicogne in volo sul Vallo di Diano regalano spettacoli mozzafiato

Sono immagini mozzafiato quelle che stamattina ci hanno regalato alcune cicogne in volo sulle campagne tra Polla e Sant’Arsenio. Un gruppo di ben 16 cicogne infatti, ha riempito il cielo azzurro di questa calda giornata di fine febbraio con voli e giochi nell’aria. Ali bianche e lunghi becchi, davanti agli occhi di tanti increduli appassionati di birdwatching e non, si è presentato uno spettacolo offerto dalla natura eguagliabile a pochi. Le cicogne dunque confermano il loro legame stretto con il Vallo di Diano. Già 15 giorni fa era arrivato il primo esemplare di cicogna maschio. Atteso come ormai accade da diversi anni, lo splendido esemplare aveva fatto capolino nelle campagne circostanti il traliccio Enel di località Termini a Sala Consilina per esplorare l’area e per preparare il nido. Non è stato facile però per lui salire sul grosso nido. Nel corso dei mesi invernali, infatti, rifiuti ed erbacce si sono accumulati sul traliccio ENEL, tanto da scoraggiare il maschio di cicogna a…