Passa ai contenuti principali

Quanto si gioca alle slot machines nel Vallo: solo nel 2016 sono stati spesi 66 milioni di euro

Il gruppo editoriale “L’Espresso” ha pubblicato nei giorni scorsi un’interessante studio sul gioco alle slot machines in ogni comune italiano. Esaminando nel dettaglio i comuni del Vallo di Diano emergono due primati: il primo è quello di Padula, primo in classifica, tra i comuni del Vallo di Diano, per quanto riguarda il rapporto tra gli abitanti e quanto si gioca alle slot machines. Nel dettaglio: a Padula su 5.357 abitanti emerge una spesa complessiva per le giocate, nell’anno 2016 pari a 12 milioni e 500 mila euro circa ( 2.347 euro pro capite). I padulesi e non solo, hanno speso circa 10 milioni di euro per giocare alle “Videolottery” e 2 milioni e mezzo di euro per giocare alle “New Slot” che accettano solo monete e sono presenti anche in bar e tabaccherie. Un altro primato molto più confortante è quello di Pertosa: effettuando la ricerca sul sito del gruppo editoriale il risultato ottenuto è questa dicitura “Per il Comune di PERTOSA dai dati dell’Agenzia dei Monopoli non risulta la presenza di slot”. Quindi nel comune guidato dal sindaco Michele Caggiano, che conta 690 abitanti, non è censita alcun apparecchio per cui le giocate relative allo scorso anno e al 2015 sono inevitabilmente pari a zero. Seguono Padula, con numeri preoccupanti anche Sassano e Sala Consilina. Nel primo paese, con 2.788 abitanti, il totale delle giocate per il 2016 è di oltre 13 milioni di euro ( 2.788 euro pro capite) e Sala Consilina con 12 e 600 abitanti e con una spesa per il 2016 di quasi 16 milioni di euro ( 1.262 euro pro capite). Anche da altri centri più piccoli del territorio emergono dati allarmanti e senza mezzi termini si può parlare di un fenomeno preoccupante e da monitorare: nel territorio del Vallo di Diano che conta 59 mila abitanti nel solo 2016 sono stati spesi 66 milioni e mezzo di euro per giocare alle slot machines, circa 1.100 euro pro capite. Insomma dati davvero preoccupanti considerate le difficili condizioni economiche in cui versano tante famiglie del Vallo di Diano. La ludopatìa esiste anche nel Vallo di Diano ed è forse il momento che si cominci a fare concretamente qualcosa, perché il Vallo di Diano, va controtendenza ai dati che invece riguardano la Regione Campania che non è tra le regioni con la spesa più elevata in giocate alle slot. Ad avvalorare questa tesi anche il fatto che il centro Sert di Sant’Arsenio cura diverse decine di persone affette da questa patologia.-ITALIA2TV-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Trovato senza vita sotto il Ponte Valiterno a Sacco il 35enne di Sala Consilina Diego Campiglia

È stato trovato senza vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno lungo la Strada Provinciale 11 del Corticato, nei pressi del centro abitato di Sacco, Diego Campiglia, il 35enne di Sala Consilina di cui non si avevano più notizie da ieri pomeriggio. Le ricerche del giovane si sono protratte per tutta la notte e questa mattina è avvenuto il tragico ritrovamento. Il recupero della salma è stato affidato ai Vigili del Fuoco rocciatori del Comando Provinciale di Salerno. Le tracce del 35enne si erano perse subito dopo uno scontro tra la sua Peugeot ed un’Alfa Romeo Giulietta avvenuto lungo la SP11. Diego Campiglia si era allontanato dileguandosi nel vuoto. Sul posto per le ricerche sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal Capitano Mannaro Malgieri, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, quelli del Soccorso Alpino Fluviale di Salerno e i volontari di Protezione civile. L’uomo lascia la moglie e due bambine. – Chiara Di Miele…

Lotta all’evasione fiscale. 1 miliardo e 300mila euro confiscati dalla Finanza in un anno e mezzo

E’ un resoconto su un anno e mezzo di attività svolta quello effettuato dal Comando Generale della Guardia di Finanza che punta alla lotta dell’evasione fiscale. Al centro della lotta, i grandi evasori, ossia di quei soggetti fiscalmente pericolosi i cui patrimoni sono espressione diretta dei gravi reati tributari o economico-finanziari commessi. Importi tutt’altro che insignificanti se si pensa che questi evasori, tutti insieme, in un anno e mezzo hanno sottratto allo Stato 2 miliardi e 300 milioni di euro (in media, più di 2 milioni ciascuno). La scoperta è nata da dei nuovi percorsi intrapresi dalla Guardia di Finanza, che mira a stanare gli evasori qualificando e quantificando la sproporzione esistente tra i redditi dichiarati e il patrimonio della persona interessata da procedimenti di prevenzione patrimoniale. Un percorso vincente perché non ancorato alla ricerca degli indizi di evasione , non sempre agevoli da riscontrare, ma fondato sul rilevamento della contraddizione emer…