Passa ai contenuti principali

Inchiesta shock della Procura. Abusi sessuali su tre bambini del Vallo di Diano durante riti esoterici


Riti esoterici, abusi sessuali su bambini e festini a base di cocaina. E’ quanto emerge dalle indagini della Procura dirette a far luce su presunte storie di pedofilia e maltrattamenti su minorenni. Come riporta il quotidiano Il Mattino in un articolo a firma di Viviana de Vita, nella zona compresa tra Eboli e il Cilento si sarebbero consumate storie perverse sullo sfondo di pratiche esoteriche. Rituali “fai da te”, talvolta organizzati sotto l’effetto di droga, che avrebbero come vittime bambini abusati sessualmente sullo sfondo di riti di natura esoterica. Uno dei casi si sarebbe verificato anche nel Vallo di Diano, dove in una casa di campagna sarebbe andato in scena l’orrore orchestrato da un’anziana signora che, insieme al figlio, avrebbe organizzato veri e propri riti orgiastici con protagonisti i tre nipotini di 4, 5 ed 11 anni, costretti a subire abusi sessuali durante riti esoterici. Secondo la tesi della Procura che ha contestato le accuse di violenza sessuale, induzione alla prostituzione minorile e maltrattamenti, a carico del padre e della nonna dei bambini, ai rituali orgiastici avrebbero partecipato anche altre persone mai identificate dagli inquirenti. Raccapriccianti i particolari raccontati dai piccoli, rappresentati dal curatore speciale, l’avvocato Viviana Caponigro, nel corso dell’incidente probatorio e confluiti nel fascicolo di indagine: in quella casa di campagna sarebbero stati celebrati veri e propri rituali esoterici con sacrifici di animali. Sarebbero i bambini a raccontare di galline che venivano macellate e di uomini incappucciati che, insieme, abusavano di loro. Nelle intercettazioni inserite nel fascicolo sarebbe emersa anche la perversa abitudine della nonna di urinare sui piccoli in segno di “purificazione”. Due i procedimenti scaturiti dalla vicenda, che si sarebbe verificata nel 2010 e venuta a galla in seguito alla denuncia della madre: il primo, in sede penale, si è concluso con la condanna di primo grado a carico della nonna e del padre dei minori comminata dal Tribunale di Lagonegro, mentre pende ancora davanti alla Corte d’appello del Tribunale di Salerno il processo di secondo grado. L’altro procedimento si è invece celebrato davanti al Tribunale per i minorenni e si è concluso con la decadenza della responsabilità genitoriale del padre dei bambini. La nonna non potrà più avvicinarsi ai nipoti. Una storia analogamente inquietante, perché consumatasi sullo sfondo di rituali orgiastici, come scrive Il Mattino, si sarebbe verificata nel 2011 nel Tanagro, nei boschi di Palomonte dove tre bambini, di 9, 3 e 2 anni, sarebbero stati costretti dalla madre e dal suo compagno ad assistere, di notte, a festini a base di cocaina e ad orge di gruppo, alle quali avrebbero però partecipato solo come spettatori senza mai subire abusi. Sempre a sfondo esoterico una vicenda che, stando a quanto riportato dalla giornalista Viviana de Vita, si sarebbe verificata tra Eboli e i picentini, dove una giovane donna, su proposta del marito, si sarebbe rivolta a un santone che la sottoponeva a riti finalizzati a stimolarne la fertilità. La donna sarebbe stata persuasa dall’uomo ad avere rapporti sessuali con lui che, incappucciato, le massaggiava l’addome sostenendo che in tal modo avrebbe potuto eliminare le “negatività” che le impedivano di concepire figli. Molti dei rituali, anche alla presenza di altre donne, si sarebbero svolti in una cappella vicino Eboli. – Maria De Paola – ondanews-

Commenti

Post popolari in questo blog

Padula (SA) : Un gallo disturba la quiete pubblica e il sindaco lo “sfratta”

Il canto del gallo non è gradito ai vicini di casa che si rivolgono al sindaco per chiederne lo sgombero.Inviati sul posto, i Vigili urbani accertano la presenza nella casa del signor Santino Pompeo, ubicata in via Duca degli Abruzzi di un gallo tenuto sul balcone dell’abitazione e il sindaco ne ordina immediatamente lo sgombero.

Dura la motivazione addotta nell’ordinanza n° 24 a firma del sindaco di Padula Paolo Imparato in cui si legge “Considerato che la presenza di tale animale all’interno di un centro densamente abitato può, vista la stagione estiva, cagionare l’insorgenza di cattivi odori o, addirittura, di malattie, mettendo a rischio la salute pubblica, nonché arrecare disturbo alla pubblica quiete con canti e schiamazzi; Visto l’art. 14 dell’Ordinanza Sindacale n° 66 dell 22/06/1974, Vista la legge n° 833 del 23/12/1978, Vista la legge N° 142 dell’08/06/1990, Visto il vigente statuto comunale, ordina al proprietario Santino Pompeo di allontanare ad horas dalla sua abita…

Trovato senza vita sotto il Ponte Valiterno a Sacco il 35enne di Sala Consilina Diego Campiglia

È stato trovato senza vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno lungo la Strada Provinciale 11 del Corticato, nei pressi del centro abitato di Sacco, Diego Campiglia, il 35enne di Sala Consilina di cui non si avevano più notizie da ieri pomeriggio. Le ricerche del giovane si sono protratte per tutta la notte e questa mattina è avvenuto il tragico ritrovamento. Il recupero della salma è stato affidato ai Vigili del Fuoco rocciatori del Comando Provinciale di Salerno. Le tracce del 35enne si erano perse subito dopo uno scontro tra la sua Peugeot ed un’Alfa Romeo Giulietta avvenuto lungo la SP11. Diego Campiglia si era allontanato dileguandosi nel vuoto. Sul posto per le ricerche sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal Capitano Mannaro Malgieri, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, quelli del Soccorso Alpino Fluviale di Salerno e i volontari di Protezione civile. L’uomo lascia la moglie e due bambine. – Chiara Di Miele…

Lo sconosciuto di Petina. È giallo sull’identità del cadavere ritrovato in alta quota

È molto enigmatico quanto accaduto nella giornata di ieri a Petina, sul Monte Figliolo, quando nel pomeriggio è stato ritrovato in alta quota il corpo senza vita di un uomo di circa 30 anni. A fare l’agghiacciante scoperta un ciclista di Caggiano appassionato di trekking. Allertati, sono giunti sul posto i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Sala Consilina, agli ordini del Capitano Davide Acquaviva, i Carabinieri Forestali della Stazione di Petina, comandati dal Maresciallo Mele, e quelli della Stazione di Teggiano, guidati dal Maresciallo De Cianni. Lo sventurato sarebbe caduto da un promontorio alto circa 30 metri e, con molta probabilità, il suo corpo giaceva a terra dalla mattina. Delle leggere recisioni sui polsi potrebbero far pensare anche ad un gesto estremo, ma al momento tutto è al vaglio degli inquirenti in attesa che l’esame autoptico faccia luce sulle cause della morte. Sul cadavere, dalla carnagione medio scura o comunque abbastanza abbronzata e conno…