Passa ai contenuti principali

Il “118” del Vallo di Diano a rischio affanno con il trasferimento di Psichiatria a Vallo della Lucania: ecco perché

La mancata programmazione sanitaria nel Vallo di Diano e anche la mancata attuazione della programmazione stessa crea disagi e può creare problematiche all’utenza in molteplici modi. Un esempio è la gestione del reparto di Psichiatria di Sant’Arsenio, il suo trasferimento e le possibili conseguenze sul territorio. Il reparto di Psichiatria – si ricorderà – doveva essere trasferito dapprima da Sant’Arsenio a Polla con dei lavori da effettuare nell’ala vecchia del nosocomio. Una scelta approvata con tanto di delibera ma mai portata in essere. Dopo qualche anno il reparto è stato trasferito a Vallo della Lucania con “emigrazione” anche di parte del personale sanitario. Questo con la promessa – necessaria – di aprire a Polla il servizio di “One day night”. Ovvero l’attivazione degli otto posti letto per i malati psichiatrici. I pazienti – soprattutto chi deve essere sottoposto a Tso – con questo progetto potrebbero essere ricoverati per 24 ore a Polla prima dell’eventuale trasferimento a Vallo della Lucania. Un servizio previsto, progettato ma mai finanziato e attivato. Un disagio che però non riguarda “solo” le pur tante famiglie di malati psichiatrici ma anche l’intera cittadinanza valdianese. Il motivo è presto detto: sul territorio sono attivate tre ambulanze per le emergenze. Una a Polla, una a Teggiano e una a Padula, queste con medico a bordo per le prime emergenze (altre due postazioni sono a Sala Consilina e Sanza ma con ambulanze prive di medico a bordo). Il trasferimento di un malato psichiatrico a Vallo della Lucania significa occupare per più di quattro ore l’ambulanza, lasciando scoperta un’area ampia del territorio valdianese con conseguente possibile ritardo in caso di necessità di soccorsi. Un problema che più volte è stato sottoposto a chi di dovere e nelle sedi istituzionali ma senza mai risposte. Per fortuna che il personale del 118 anche facendo salti mortali sta riuscendo a garantire – grazie a professionalità e abnegazione – interventi precisi e puntuali, ma il rischio c’è e va risolto. L’emergenza-urgenza che dovrebbe rappresentare il motivo principale di vita del “Luigi Curto” in questa fase storica, rischia così di essere in affanno sin dall’inizio, dal primo soccorso. Questo perché non viene attivato un progetto promesso, previsto e progettato al “Luigi Curto”. Un servizio che riguarda sì i pazienti psichiatrici e le loro famiglie ma anche il resto del comprensorio ancora una volta preso in giro senza alcuna remora.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…

San Pietro al Tanagro, presentato “Muoviamoci in bici”, il servizio di Bike Sharing comunale

È stato presentato questa mattina a San Pietro al Tanagro il nuovo servizio di Bike Sharing comunale denominato “Muoviamoci in bici”.Già a partire da oggi si possono ritirare le schede, secondo il regolamento già pubblicato, presso gli uffici comunali o, in alternativa, presso l’esercizio commerciale convenzionato con l’Ente, la cartolibreria sita in Piazza Enrico Quaranta “Gocart” di Giovanni Graziano. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Assessore al Turismo Antonio Pagliarulo, e questa mattina è stata presentata in particolare ad una platea di giovanissimi. Entusiasta il sindaco Domenico Quaranta, che auspica una replica del Bike Sharing anche in altri comuni del Vallo di Diano, in modo da creare stazioni intercambiabili dove poter prendere a nolo o consegnare le biciclette elettriche. Intanto a San Pietro al Tanagro sono due le Stazioni al momento attive, e 20 le bici disponibili, ad un prezzo davvero competitivo: 0,25 centesimi per ogni ora.-italia2tv-