Passa ai contenuti principali

Lite a Monte San Giacomo. Giro di vita del Comune sull’affidamento dei pascoli: “Controlli ferrei e basta violenza”


A Monte San Giacomo ieri si è verificato una furiboonda lite tra un allevatore e un 59enne del posto, vittima dell’aggressione. Da quanto emerso finora, il tutto è nato a causa di una questione di confini, di territori privati e di sconfinamento. Da quanto raccontato dalla vittima su Facebook (con tanto di foto delle ferite riportate), l’aggressione sarebbe nata dal fatto di essere all’interno di un terreno recintato pur se fosse di proprietà del demanio. Ma attendendo le indagini da parte delle forze dell’ordine ecco la reazione del Comune. “A seguito del gravissimo incidente – si legge in un comunicato dell’Amministrazione guidata dal sindaco Raffaele Accetta – verificatosi ieri nel territorio del nostro comune e che ha visto coinvolti due cittadini di Monte San Giacomo, protagonisti di un brutto episodio di violenza, la cui dinamica è in corso di accertamento da parte dalle competenti forze dell’ordine, è nostra intenzione condannare con fermezza qualsiasi atto di violenza, che contrasta assolutamente con la natura civile e pacifica della nostra comunità. Senza voler entrare nel merito della lite tra due privati cittadini, ci sentiamo in obbligo di prendere provvedimenti in relazione ad una questione che, da anni, qui come altrove, sta generando un clima di tensione che corre il rischio di produrre accadimenti gravissimi, come quello di ieri”. Il riferimento dell’Amministrazione è quella dei confini e dei terreni demaniali, oltre che dei fidi per il pascolo. “Non più di sei mesi fa, un altro episodio altrettanto grave, le cui cause sono ancora oggetto di indagine, coinvolse il territorio montano del nostro Comune. Tutti infatti ricorderanno la morte per avvelenamento di diversi capi di bestiame, abbeveratisi ad una fonte risultata appunto avvelenata dolosamente. A prescindere dalle responsabilità individuali delle specifiche vicende, che non è nostro compito valutare , è evidente che occorre ristabilire regole ferree che tutelino, oltre che l’integrità del paesaggio, innanzitutto la sicurezza di tutti i cittadini, allevatori e non, e degli animali stessi. Non possiamo assistere inerti al continuo degenerare di una situazione che sta diventando giorno dopo giorno sempre più pericolosa per tutti. E’ per questo che, avvalendoci della collaborazione della locale stazione dei carabinieri, già allertata, intendiamo procedere alla immediata revoca e alla non concessione della fida pascolo a tutti quegli allevatori che risulteranno, dai verbali effettuati dalle forze dell’ordine, inadempienti delle norme previste dal regolamento Comunale. Nei prossimi giorni inoltre, provvederemo a rendere ancora più restrittive le norme relative alla concessione della fida pascolo e in fase di presentazione delle istanze, ossia nel corrente mese di Marzo, sarà nostra cura verificare le condizioni dei vari richiedenti prima di rilasciare l’autorizzazione in questione. In conclusione, si fa appello a tutti i cittadini affinché episodi simili non abbiano mai più a verificarsi, nel comune intento di ristabilire quel clima di pacifica e serena convivenza civile che è sempre appartenuto alla nostra Comunità”.-ITALIA2TV-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Trovato senza vita sotto il Ponte Valiterno a Sacco il 35enne di Sala Consilina Diego Campiglia

È stato trovato senza vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno lungo la Strada Provinciale 11 del Corticato, nei pressi del centro abitato di Sacco, Diego Campiglia, il 35enne di Sala Consilina di cui non si avevano più notizie da ieri pomeriggio. Le ricerche del giovane si sono protratte per tutta la notte e questa mattina è avvenuto il tragico ritrovamento. Il recupero della salma è stato affidato ai Vigili del Fuoco rocciatori del Comando Provinciale di Salerno. Le tracce del 35enne si erano perse subito dopo uno scontro tra la sua Peugeot ed un’Alfa Romeo Giulietta avvenuto lungo la SP11. Diego Campiglia si era allontanato dileguandosi nel vuoto. Sul posto per le ricerche sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal Capitano Mannaro Malgieri, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, quelli del Soccorso Alpino Fluviale di Salerno e i volontari di Protezione civile. L’uomo lascia la moglie e due bambine. – Chiara Di Miele…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…