Passa ai contenuti principali

Sassano: la Finanza scopre 13 lavoratori in nero in un caseificio. Denunciato il titolare Sanzione da 50mila euro e decreti di espulsione per sette dipendenti indiani clandestini


13 lavoratori in nero sono stati individuati dalla Guardia di Finanza della Tenenza di Sala Consilina all’interno di un caseificio a Sassano. Le Fiamme Gialle hanno avuto modo di riscontrare che oltre la metà dei dipendenti dell’azienda casearia lavorava senza contratto di lavoro. 7 dei 13 dipendenti sono di nazionalità indiana e senza permesso di soggiorno. I Finanzieri al termine delle verifiche hanno elevato una sanzione amministrativa per un importo complessivo di circa 50mila euro, inoltre il titolare del caseificio è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Lagonegro. L’attività della Guardia di Finanza ha permesso anche di individuare la presenza di stranieri clandestini e nei loro confronti è stato emesso da parte della Prefettura il decreto di espulsione dal territorio italiano. La presenza di un numero così elevato di lavoratori in nero all’interno di un’azienda lascia presagire che la stessa potrebbe mettere in atto una concorrenza sleale visto che potrebbe mettere sul mercato i propri prodotti ad un prezzo estremamente concorrenziale grazie alla possibilità di poter abbattere notevolmente i costi che dovrebbe sostenere per la manodopera, come i contributi previdenziali ed assicurativi da versare per ciascun lavoratore. – Erminio Cioffi –ondanews-

Commenti

Post popolari in questo blog

La rotonda di Caggiano è maledetta per i camion: un altro autoarticolato di traverso

C’è qualcosa che non va alla rotonda di Caggiano. Infatti questa mattina, poco dopo l’alba, un altro camion si è girato e si è posizionato in modo perpendicolare rispetto alla carreggiata. Per fortuna nessuna conseguenza per il conducente del mezzo pesante ma ancora una volta disagi per la circolazione stradale. Ancora una volta perché quel tratto di strada vede spesso incidenti simili. Solo una settimana fa un altro camion si è intraversato e sono servite diverse ore di lavoro per liberare il tratto stradale. Occorreranno delle verifiche, quindi.-italia2tv-

Sala Consilina : L'attrice Cristina Cappelli approda alla Scuola di Teatro "Paolo Grassi" di Milano

La Cooperativa Culturale La Cantina delle Arti comunica che una delle giovani attrici della Compagnia, Cristina Cappelli (nella foto con il maestro Enzo D'Arco), approda, dopo una dura selezione, alla Scuola di Teatro "Paolo Grassi" di Milano. Cristina si è avvicinata, a soli 14 anni, al Teatro della Cantina attraverso uno dei tanti Laboratori teatrali organizzati. Successivamente è entrata a far parte della Compagnia teatrale "La Cantina delle Arti": il Maestro Enzo D'Arco, capo-comico della Compagnia, ne ha scoperto le potenzialità e l'ha sempre sostenuta, fino al raggiungimento di questo importante traguardo. "La Cantina delle Arti si pone come baluardo Culturale-Artistico non solo per le attività proposte ma anche per la capacità di offrire ai giovani opportunità di formazione e di inserimento nel mondo dell'Arte teatrale - dicono i componenti della Compagnia - Ancora congratulazioni alla nostra Cristina Cappelli e come noi teatranti di…

Buonabitacolo (SA) : Perquisita questa mattina la casa di Giancarlo Guercio

Perquisita questa mattina su disposizione della Procura della Repubblica di Sala Consilina, la casa del segretario di Sinistra Ecologia e Libertà del Vallo di Diano-Golfo di Policastro, Giancarlo Guercio. Due agenti della Questura si sono prima recati presso l’abitazione della madre a Buonabitacolo e poi, in base alle informazioni della donna, presso l’abitazione di Policastro dove da qualche tempo vive Giancarlo Guercio. I due agenti hanno sequestrato il PC e alcune cassette, in relazione alla tragica morte del 21enne Massimo Casalnuovo avvenuta il 20 agosto scorso. Appena diffusasi la notizia, su Facebook si è scatenata immediatamente una vera e propria gara di solidarietà nei confronti dell’uomo politico da parte di moltissimi suoi amici, non condividendo un’azione "così forte" nei confronti di una persona animata soltanto dal desiderio di sapere la verità sulla morte di Massimo Casalnuovo, fino ad arrivare a togliergli il suo strumento di lavoro, rappresentato dal perso…