Passa ai contenuti principali

Guerra politica” a Sala Consilina. Cavallone: “Opposizione confusa e offensiva. Chiedete a qualche consigliere se ha pagato le tasse”


Circa un’ora di conferenza per rispondere punto su punto agli attacchi dell’opposizione. Il sindaco di Sala Consilina, Francesco Cavallone, ha convocato la stampa, non solo per rispondere alle accuse ma anche per contro attaccare. Dalle accuse di dissesto finanziario, passando per il Puc e per il biometano oltre che su toni e modi usati da alcuni consiglieri di opposizione, l’intervento del sindaco ha toccato un po’ tutto. Cavallone attacca immediatamente soprattutto in merito alle ammonizioni della Corte dei Conti evidenziata dall’opposizione. “Se fossimo in pericolo di dissesto sarebbero arrivate le sanzioni. Sulla lotta all’evasione fiscale stiamo lavorando ma dobbiamo recuperare i buchi sui canoni idrici di circa 900mila euro che avevano nel 2004 (riferimento a Colucci – ndr)”. E poi lancia la sfida. “A proposito di evasori, chiedo a tutti i consiglieri se nella loro storia fiscale hanno sempre pagato il dovuto. Ce lo dicano apertamente”. Non fa nomi, il primo cittadino, anche se appare chiaro che il suo attacco sia mirato. Tra le varie accuse ci sono anche quella che Sala Consilina – secondo l’opposizione – non abbia un peso nella politica “estera” soprattutto in merito al Piano sociale di Zona. “A differenza di amministrazioni passate il nostro Comune fa della rete una filosofia politica perché solo insieme – aggiunge il sindaco – possiamo lavorare sempre meglio”. Tante accuse dall’opposizione che il sindaco rimanda al mittente: “Se hanno dubbi sulla nostra gestione allora vadano in Procura e non vigliaccamente in tv”. Altro appunto duro viene fatto sui toni. In questo caso le accuse sono specifiche, ovvero al consigliere Cardano: “Usa toni dispregiativi e offensivi nei confronti della maggioranza ma se crede che siano questi i modi giusti si ricandidi ma per ora deve ricordare che la popolazione durante le ultime elezioni ha votato per una maggioranza che guida con intelligenza il Comune”. Ulteriori attacchi vanno a chi – Angelo Paladino anche se il sindaco non lo cita – ha criticato la gestione del commercio. “C’è qualche carneade che critica senza sapere i numeri attacca. Abbiamo avuto un incasso dai parcheggi durante le festività natalizie superiore a quello dello scorso anno. E’ vero che il commercio si sta spostando in altre zone ma noi come Amministrazioni siamo al lavoro per garantire sostegno al commercio del centro”. Sulla vicenda biometano è intervenuto l’assessore Enzo Garofalo, sul Puc, invece, Gelsomina Lombardi. Entrambi hanno ripercorso l’iter delle due vicende, respingendo le varie accuse rivolte dall’opposizione. -italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…

San Pietro al Tanagro, presentato “Muoviamoci in bici”, il servizio di Bike Sharing comunale

È stato presentato questa mattina a San Pietro al Tanagro il nuovo servizio di Bike Sharing comunale denominato “Muoviamoci in bici”.Già a partire da oggi si possono ritirare le schede, secondo il regolamento già pubblicato, presso gli uffici comunali o, in alternativa, presso l’esercizio commerciale convenzionato con l’Ente, la cartolibreria sita in Piazza Enrico Quaranta “Gocart” di Giovanni Graziano. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Assessore al Turismo Antonio Pagliarulo, e questa mattina è stata presentata in particolare ad una platea di giovanissimi. Entusiasta il sindaco Domenico Quaranta, che auspica una replica del Bike Sharing anche in altri comuni del Vallo di Diano, in modo da creare stazioni intercambiabili dove poter prendere a nolo o consegnare le biciclette elettriche. Intanto a San Pietro al Tanagro sono due le Stazioni al momento attive, e 20 le bici disponibili, ad un prezzo davvero competitivo: 0,25 centesimi per ogni ora.-italia2tv-