Passa ai contenuti principali

Caso Soget a Polla. Terreni agricoli tassati come edificabili. Sale la protesta. Gli avvocati: “Sospensione delle imposte non convince”


La vicenda Soget a Polla sta portando diversi grattacapi ad Amministrazione e cittadini. Questi ultimi protestano per una serie di presunte incongruenze nelle cartelle esattoriali. E – occorre aggiungere – si sono trovati quanto meno colpiti di fronte a una società di riscossione imposte che – avuto il mandato dall’Amministrazione dopo una regolare gara di appalto – è entrata a “gamba tesa” con controlli e richieste di imposte in alcuni casi quanto meno particolari. Forse perché non “abituati” a pressioni così forti per la richiesta di imposte. Non solo i commercianti sono scesi in campo per manifestare il proprio dissenso e chiedere lumi sulla cosiddetta “tassa sulla pubblicità” ma anche i privati cittadini da diversi giorni sono in fase di allarme per la tassa sui “passi carrabili” e anche sull’imposta su numerosi terreni edificabili che però edificabili non sono più o non sono mai stati. Una certa confusione e delle imposte salate (con sanzioni ancor più salate) che stanno creando davvero malumore a Polla. Il sindaco Giuliano sta cercando – come da lui affermato – di fare da punto di equilibrio tra le esigenze dei cittadini e far pagare le tasse, in un paese dove l’evasione fiscale è comunque alta. Questo stando sempre a dichiarazioni passate del primo cittadino. E per questo ha incontrato i funzionari della Soget, annunciando la sospensione di alcune richieste dell’azienda in attesa di nuove verifiche. Una sospensione però che non convince alcuni avvocati. Questo perché già numerosi cittadini e commercianti pollesi si sono rivolti ai legali per tutelare le proprie ragioni. E gli avvocati hanno avanzato dubbi in merito alla sospensione delle imposte per l’assenza di documenti scritti che la certificano e un iter che poco li convince. Insomma il clima è affatto che disteso e lunedì quando è in programma un nuovo incontro potrebbero arrivare nuovi chiarimenti. O proteste. Il comunicato del sindaco Giuliano e la lettera inviata alla Soget: “Nel dare seguito agli intercorsi colloqui e alle precedenti comunicazioni, con la presente si richiede formalmente alla spettabile società in indirizzo di annullare ad horas: 1) gli avvisi di accertamento, già recapitati ai contribuenti, aventi ad oggetto il pagamento dell’ICI sui terreni agricoli nella Zona ampliamento Pip, già ricompresi nel Piano Regolatore Generale Comunale quali aree edificabili, atteso che attualmente le stesse aree sono state sottoposte dalla Autorità di Bacino Regionale a vincolo da Rischio Idraulico Elevato, quindi non più terreni edificabili. 2) Gli avvisi di accertamento aventi ad oggetto quei i terreni indicati nel Progetto di PRG quali aree edificabili che, a seguito dell’approvazione del PRG da parte della Giunta Regionale della Campania venivano classificate quale aree agricole, come da attestato dell’UTC. Si richiede, altresì, la sospensione per almeno 30 giorni, dell’attività di accertamento e di riscossione della Imposta Comunale sulla Pubblicità, al fine di consentire, a seguito delle numerose segnalazioni di presunte incongruenze da parte degli utenti, all’Amministrazione Comunale di garantire la massima tutela del contribuente e l’emersione dell’evasione. È dovere del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale garantire la corretta riscossione delle tasse e la salvaguardia dell’intera comunità. Inoltre è volontà dell’Amministrazione Comunale adottare al più presto una delibera di Consiglio Comunale per la rottamazione delle cartelle ai sensi della Legge 22.10.2016 n. 193 (Decreto Fiscale)”. -italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Trovato senza vita sotto il Ponte Valiterno a Sacco il 35enne di Sala Consilina Diego Campiglia

È stato trovato senza vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno lungo la Strada Provinciale 11 del Corticato, nei pressi del centro abitato di Sacco, Diego Campiglia, il 35enne di Sala Consilina di cui non si avevano più notizie da ieri pomeriggio. Le ricerche del giovane si sono protratte per tutta la notte e questa mattina è avvenuto il tragico ritrovamento. Il recupero della salma è stato affidato ai Vigili del Fuoco rocciatori del Comando Provinciale di Salerno. Le tracce del 35enne si erano perse subito dopo uno scontro tra la sua Peugeot ed un’Alfa Romeo Giulietta avvenuto lungo la SP11. Diego Campiglia si era allontanato dileguandosi nel vuoto. Sul posto per le ricerche sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal Capitano Mannaro Malgieri, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, quelli del Soccorso Alpino Fluviale di Salerno e i volontari di Protezione civile. L’uomo lascia la moglie e due bambine. – Chiara Di Miele…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…