Passa ai contenuti principali

Referendum costituzionale. Anche il Vallo di Diano vota No e boccia la riforma


E’ una vittoria schiacciante quella conquistata dal fronte del No al referendum costituzionale dopo una campagna elettorale serrata e dai toni aspri. Una vittoria che boccia, in maniera drastica e pesante, la riforma Boschi e, indirettamente, il governo Renzi. Gli italiani hanno detto “No” al superamento del bicameralismo paritario, alla riduzione del numero dei senatori, alla soppressione del CNEL, al contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni e alla revisione del titolo V della seconda parte della Costituzione (quella che avrebbe passato allo Stato la competenza esclusiva in una serie di materie, tra cui la salute pubblica, le politiche sociali, il turismo e l’istruzione). A scrutinio completato il dato di fatto è la predominanza del No (59,95%). E anche in Campania, il cui voto era stato annunciato come “decisivo” dal governatore De Luca, il No (64,69%) ha largamente sconfitto il Sì (35,31%). Da percentuali quasi bulgare, a differenza che in altri appuntamenti referendari, anche l’affluenza alle urne in tutto il Paese (68,42%). In Campania ha votato il 58,88% degli elettori aventi diritto e in provincia di Salerno il 62,32%. Nella media nazionale anche il Vallo di Diano, la cui affluenza in alcuni centri ha superato il 60%: Sant’Arsenio (65,76%), Monte San Giacomo (63,81%), Sala Consilina (60,37%), Atena Lucana (60,20%). I risultati valdianesi confermano il trend generale del Paese. In tutti i comuni, tranne che a Pertosa (168 Sì contro 151 No) e a Sanza ( 620 Sì contro 601 No), gli elettori hanno deciso di porre il proprio veto alla riforma. Il No ha stravinto e addirittura doppiato il Sì a Sala Consilina (4011 – 2080), Teggiano (2200 – 1266), Montesano sulla Marcellana (1917 – 946), Padula (1581 – 805). La più ampia fetta di elettori di questa terra ha bocciato con forza la legge Boschi e, con molta probabilità ha deciso di esprimere, contemporaneamente ad una valutazione nel merito, anche quello che si potrebbe senza ombra di dubbio definire un “giudizio politico” nei confronti della classe dirigente, conformandosi ad un atteggiamento che da giorni si stava palesando in tutta la nazione. Sì, perchè è ormai indubbio che lo stop alla riforma costituzionale abbia messo la parola fine anche al governo Renzi. Quest’ultimo, poco dopo la mezzanotte, ha annunciato le proprie dimissioni in conferenza stampa da Palazzo Chigi. “Il popolo italiano ha parlato in modo inequivocabile, chiaro e netto – ha detto il premier – riunirò il Consiglio dei Ministri e poi salirò al Quirinale per consegnare al Presidente della Repubblica le dimissioni”. Adesso toccherà al Presidente Mattarella gestire questo passaggio delicato per il Paese. Non pare essere un “Renzi bis” quello che si prospetta all’orizzonte e, per evitare un immediato ritorno alle urne, il Capo dello Stato potrebbe propendere per un governo di scopo che tenti di porre un argine all’instabilità. – Chiara Di Miele –ondanews-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…

San Pietro al Tanagro, presentato “Muoviamoci in bici”, il servizio di Bike Sharing comunale

È stato presentato questa mattina a San Pietro al Tanagro il nuovo servizio di Bike Sharing comunale denominato “Muoviamoci in bici”.Già a partire da oggi si possono ritirare le schede, secondo il regolamento già pubblicato, presso gli uffici comunali o, in alternativa, presso l’esercizio commerciale convenzionato con l’Ente, la cartolibreria sita in Piazza Enrico Quaranta “Gocart” di Giovanni Graziano. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Assessore al Turismo Antonio Pagliarulo, e questa mattina è stata presentata in particolare ad una platea di giovanissimi. Entusiasta il sindaco Domenico Quaranta, che auspica una replica del Bike Sharing anche in altri comuni del Vallo di Diano, in modo da creare stazioni intercambiabili dove poter prendere a nolo o consegnare le biciclette elettriche. Intanto a San Pietro al Tanagro sono due le Stazioni al momento attive, e 20 le bici disponibili, ad un prezzo davvero competitivo: 0,25 centesimi per ogni ora.-italia2tv-