Passa ai contenuti principali

Monte San Giacomo: dopo 23 anni il Comune ottiene un maxi risarcimento dall’Enel


Dopo 23 anni il Comune di Monte San Giacomo ha ottenuto un risarcimento di circa 300mila euro da parte dell’Enel e altri imputati, ritenuti responsabili di un incendio che nel 1993 aveva distrutto centinaia di ettari di bosco di proprietà comunale. La storia ha inizio nell’estate del 1993 quando in località Mancose-Paramicito, nel tratto attraversato da un elettrodotto di proprietà dell’Enel, si sviluppò un incendio che tenne impegnate per circa due giorni le squadre degli operai dell’antincendio boschivo della Comunità Montana. Il Comune, anche allora rappresentato dal sindaco Raffaele Accetta, decise di fare causa all’Enel per chiedere il risarcimento dei danni visto che a causare l’incendio era stato il contatto tra il ramo di un albero con un cavo dell’elettrodotto. Inizia così una vicenda giudiziaria presso il Tribunale di Sala Consilina per poi concludersi, quest’anno, presso il Tribunale di Lagonegro. L’Enel aveva sostenuto in giudizio che la responsabilità dell’incendio fosse del proprietario del terreno dove passava l’elettrodotto. Nel filone penale della vicenda viene invece dimostrato che la responsabilità era della società che distribuisce l’energia e che, tra l’altro, la stessa aveva dato incarico ad alcuni operai di effettuare la manutenzione. Cosa che non era stata fatta e anzi venne provato che gli operai invece di svolgere il loro lavoro avevano fatto altro soggiornando in un hotel di Sala Consilina. Alcuni di loro finirono anche agli arresti. “Siamo soddisfatti per essere arrivati, anche se dopo 23 anni, a questo risultato – ha dichiarato il sindaco Accetta – ma c’è grande amarezza per quello che abbiamo dovuto fare per far valere le nostre ragioni”. – Erminio Cioffi –ondanews-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Trovato senza vita sotto il Ponte Valiterno a Sacco il 35enne di Sala Consilina Diego Campiglia

È stato trovato senza vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno lungo la Strada Provinciale 11 del Corticato, nei pressi del centro abitato di Sacco, Diego Campiglia, il 35enne di Sala Consilina di cui non si avevano più notizie da ieri pomeriggio. Le ricerche del giovane si sono protratte per tutta la notte e questa mattina è avvenuto il tragico ritrovamento. Il recupero della salma è stato affidato ai Vigili del Fuoco rocciatori del Comando Provinciale di Salerno. Le tracce del 35enne si erano perse subito dopo uno scontro tra la sua Peugeot ed un’Alfa Romeo Giulietta avvenuto lungo la SP11. Diego Campiglia si era allontanato dileguandosi nel vuoto. Sul posto per le ricerche sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal Capitano Mannaro Malgieri, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, quelli del Soccorso Alpino Fluviale di Salerno e i volontari di Protezione civile. L’uomo lascia la moglie e due bambine. – Chiara Di Miele…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…