Passa ai contenuti principali

Consorzio Centro Sportivo Meridionale. Angelo Marmo invita Esposito al confronto


Questa mattina il consigliere comunale di San Rufo delegato allo Sport Angelo Marmo ha protocollato un invito a Vittorio Esposito, Presidente del Consiglio di Amministrazione del Consorzio Centro Sportivo Meridionale, e ai componenti del CdA, Beniamino Curcio, Carmine Cocozza, Angelo Maria Carucci e Angela D’Alto, per un incontro pubblico che si terrà giovedì 10 novembre alle 18.00 presso l’Aula Consiliare del Comune di San Rufo. L’incontro, come si legge nell’invito, è stato convocato “per affrontare la problematica della gestione e della governance del Consorzio Centro Sportivo Meridionale“. Marmo, in particolare, chiede a Vittorio Esposito di spiegare “come mai non ha, a distanza di mesi, mantenuto l’impegno con il Presidente della Provincia di Salerno, alla presenza di Sindaci del Vallo di Diano, di consentire di votare un nuovo Consiglio di Amministrazione che rappresenti politicamente i Comuni Soci e non sia prigioniero del Direttore Generale che ormai è autoreferenziale e rappresenta la continuità gestionale, a vario titolo, del Consorzio” e, inoltre, il perchè “non si sia proceduto alla sostituzione dei componenti del Consiglio di Amministrazione assenti per più di tre sedute consecutive“. Il consigliere di San Rufo passa poi a porre una serie di interrogativi ad Esposito e al CdA, tra cui quello relativo alla proroga dell’incarico di Direttore Generale ad Enrico Zambrotti (“Sono passati ben 8 anni ed è ancora lì in violazione delle più elementari norme di legge che non consentono la proroga di incarichi a tempo determinato“) e all’assenza di un Albo Pretorio online del Consorzio. Nell’invito all’incontro del 10 novembre viene poi posto l’accento sullo stato in cui versano “la Masseria, i giardini e gli spazi circostanti abbandonati da anni in condizioni pietose, indecorose e pericolose” e su “come sia possibile che il Comune di San Pietro al Tanagro abbia assunto un mutuo di 320.000 euro per conto del Consorzio e non sia stato ancora utilizzato, ma si pagano (ovviamente a carico dei Bilanci dei Comuni) le rate di ammortamento annuali per circa 23.000 euro“. Angelo Marmo Marmo chiede ancora perchè “nonostante la grande disponibilità di spazi e di locali, la META S.p.A. abbia fittato dei locali di proprietà del Comune di San Pietro al Tanagro pagando un fitto annuale di 4.800 euro“, “come mai nel Consorzio Centro Sportivo Meridionale gli incarichi tecnici siano conferiti sempre al medesimo Tecnico che era componente della Commissione Giudicatrice che conferì l’incarico di Direttore generale a Enrico Zambrotti” e ancora “come mai il Consorzio Centro Sportivo Meridionale conferisca gli incarichi legali sempre al medesimo legale, che è anche il legale di fiducia delle aziende che fanno riferimento al dott. Zambrotti“. Tanti gli interrogativi che il consigliere Marmo pone ad Esposito e al Consiglio di Amministrazione del Consorzio, tra cui anche il perchè “i revisori dei conti sono sempre gli stessi da oltre 20 anni” e “come mai e in base a quali norma viene rinnovato l’incarico al dott. Alberico Donato nonostante la gestione degli impianti sportivi sia in perdita da anni“. E’ un fiume in piena Marmo e chiede di sapere “come sia stato possibile che un componente del Consiglio di Amministrazione sia stato componente della Commissione giudicatrice per l’appalto dei locali della Foresteria, in violazione delle più elementari norme di legge che vietino la partecipazione dei componenti gli organi politici nelle commissioni di appalto” e “sulla base di quali criteri sono stati richiesti i decreti ingiuntivi per soli 4 Comuni (Atena Lucana, Auletta, Buonabitacolo e San Rufo) per il mancato pagamento dei contributi consortili mentre agli altri Comuni, nonostante siano debitori di somme maggiori, siano stati invitati a regolarizzare le proprie posizioni con delle lettere“. – Chiara Di Miele –ONDANEWS-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Trovato senza vita sotto il Ponte Valiterno a Sacco il 35enne di Sala Consilina Diego Campiglia

È stato trovato senza vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno lungo la Strada Provinciale 11 del Corticato, nei pressi del centro abitato di Sacco, Diego Campiglia, il 35enne di Sala Consilina di cui non si avevano più notizie da ieri pomeriggio. Le ricerche del giovane si sono protratte per tutta la notte e questa mattina è avvenuto il tragico ritrovamento. Il recupero della salma è stato affidato ai Vigili del Fuoco rocciatori del Comando Provinciale di Salerno. Le tracce del 35enne si erano perse subito dopo uno scontro tra la sua Peugeot ed un’Alfa Romeo Giulietta avvenuto lungo la SP11. Diego Campiglia si era allontanato dileguandosi nel vuoto. Sul posto per le ricerche sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal Capitano Mannaro Malgieri, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, quelli del Soccorso Alpino Fluviale di Salerno e i volontari di Protezione civile. L’uomo lascia la moglie e due bambine. – Chiara Di Miele…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…