Passa ai contenuti principali

Terremoto amministrativo a Sant’Arsenio: si è dimesso il Sindaco Antonio Coiro

Terremoto amministrativo a Sant’Arsenio: si è dimesso il sindaco Antonio Coiro. Il primo cittadino ha consegnato le sue dimissioni questa mattina nelle mani del Segretario Comunale, la dottoressa Carla Grezzi.La notizia delle clamorose intenzioni del sindaco Coiro circolava già da alcuni giorni negli ambienti amministrativi del piccolo comune del Vallo di Diano. Una decisione quindi che da quanto si apprende sarebbe maturata da tempo da parte del Sindaco, eletto a Maggio 2014 con la lista “Rinascita Civica”. A motivare il primo cittadino santarsenese ci sarebbero una serie di concause. Tra queste la mancanza di collaborazione di una parte della “struttura comunale”con l’Amministrazione da lui guidata. In parole più semplici alcuni dei dipendenti comunali non sarebbero stati collaborativi. Altro motivo dell’amarezza maturata da Coiro sarebbe la mancanza di aggregazione progressivamente riscontrata in questi mesi nella lista “Rinascita Civica” rispetto al gruppo di partenza. E ancora, l’atteggiamento dello Stato che concede sempre meno fondi ai Comuni, rendendo sempre più difficile se non impossibile programmare. Messi insieme sarebbero questi i motivi principali che hanno indotto Antonio Coiro a rassegnare le sue dimissioni da Sindaco di Sant’Arsenio. Si tratta di una decisione inedita per il Vallo di Diano e forse per il salernitano, dove le dimissioni sono merce rara, soprattutto da parte di primi cittadini non sfiduciati o non coinvolti in indagini giudiziarie. Certo dopo i casi clamorosi di Buonabitacolo e Teggiano, un nuovo terremoto amministrativo colpisce un altro dei Comuni del Vallo di Diano nei quali le elezioni amministrative del 2014 avevano determinato risultati nel segno del rinnovamento e della discontinuità. I motivi sono ovviamente diversi, ma sembra quasi una maledizione: a quanto pare “cambiare” nei comuni del Vallo di Diano “porta male”. Va ribadita una sostanziale differenza rispetto ai casi di Buonabitacolo e Teggiano, dove consiglieri delle ex maggioranze e consiglieri di opposizione avevano rassegnato le proprie dimissioni determinando l’interruzione della consiliatura e la caduta dei sindaci Elia Rinaldi e Rocco Cimino, e causando il commissariamento dei comuni. A Sant’Arsenio accade esattamente l’opposto, ed è il sindaco Antonio Coiro a rassegnare le sue dimissioni nonostante abbia ancora i numeri per governare. Secondo quanto previsto dalla legge, ora Coiro avrà 20 giorni di tempo per ripensarci ed eventualmente revocare le sue dimissioni.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…

San Pietro al Tanagro, presentato “Muoviamoci in bici”, il servizio di Bike Sharing comunale

È stato presentato questa mattina a San Pietro al Tanagro il nuovo servizio di Bike Sharing comunale denominato “Muoviamoci in bici”.Già a partire da oggi si possono ritirare le schede, secondo il regolamento già pubblicato, presso gli uffici comunali o, in alternativa, presso l’esercizio commerciale convenzionato con l’Ente, la cartolibreria sita in Piazza Enrico Quaranta “Gocart” di Giovanni Graziano. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Assessore al Turismo Antonio Pagliarulo, e questa mattina è stata presentata in particolare ad una platea di giovanissimi. Entusiasta il sindaco Domenico Quaranta, che auspica una replica del Bike Sharing anche in altri comuni del Vallo di Diano, in modo da creare stazioni intercambiabili dove poter prendere a nolo o consegnare le biciclette elettriche. Intanto a San Pietro al Tanagro sono due le Stazioni al momento attive, e 20 le bici disponibili, ad un prezzo davvero competitivo: 0,25 centesimi per ogni ora.-italia2tv-