Passa ai contenuti principali

Strage di Sassano: fissato l’inizio del processo d’appello per Gianni Paciello. In aula il primo dicembre

E’ stato fissato per il primo dicembre del 2016 l’inizio del processo di Appello per Gianni Paciello, il conducente della vettura che travolse e uccise quattro ragazzi a Silla di Sassano. A Potenza, quindi, si deciderà sul ricorso presentato dagli avvocati del barista di Sassano, Alfonso Giuliano e Gennaro Lavitola, nel quale i due legali confutano diversi punti delle motivazioni della sentenza emessa dal giudice Salvatore Bloise. Paciello – si ricorderà – è stato condannato a 10 dieci e 4 mesi per la morte di suo fratello Luigi, che aveva solo 14 anni, i fratelli Giovanni e Nicola Femminella di 17 e 22 anni e di Daniele Paciello di 15 anni, investiti e uccisi dalla sua Bmw davanti al New Club 2000 a Silla di Sassano. La Procura di Lagonegro aveva chiesto 8 anni. I due avvocati nel ricorso hanno sottolineato delle incongruenze che – parer loro – si evincono sia nelle indagini portate avanti dalle forze dell’ordine che dalle varie perizie oltre che si è ribadito – così come fatto nelle arringhe finali – dei dubbi sulle analisi sul sangue di Paciello che evidenziarono un tasso alcolemico superiore alla legge (1.3 grammo per litro). E come nelle arringhe finali è stata chiesta l’assoluzione in appello per Paciello (puntando sul possibile malore). Non solo, nel dossier difensivo dei due avvocati sono stati sollevati dubbi anche sull’impianto delle telecamere che ha ripreso l’incidente. Nelle motivazioni il giudice Bloisie ha parlato – occorre ricordare – di “macroscopica imprudenza, imperizia e inosservanza delle norme disciplinanti la circolazione stradale”. Le vittime – scorrendo le motivazioni – non avevano alcuna possibilità di evitare l’impatto e “non esiste alcuna circostanza che possa attenuare il grado della colpa”. Bloise, inoltre, ha sottolineato che “l’evento è stato conseguente alla condotta di Paciello, che ha creato una gravissima situazione di pericolo determinato dalla potenzialità distruttrice devastante di un’auto di grossa cilindrata lanciata a velocità molto alta in maniera del tutto ingovernata e ingovernabile”.-Italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Entra in una concessionaria di Atena Lucana e porta via un’auto. Caccia al ladro

Una Fiat Panda è stata rubata nella mattinata di ieri dal piazzale della rivendita auto “Superauto” di Atena Lucana. Un uomo claudicante, probabilmente tra i 30 e i 35 anni, si è introdotto nella concessionaria e ha rubato l’auto, sprovvista di documenti e polizza assicurativa. Il titolare della concessionaria, dopo essersi reso conto della mancanza dell’auto, ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri della Stazione di Sala Consilina che ora indagano per risalire all’autore del furto, utilizzando anche gli elementi forniti dal sistema di videosorveglianza.-ondanews-

Arbitri. 8 nuovi giovani fischietti della Sezione AIA di Sala Consilina superano gli esami di fine corso

Si sono svolti gli esami di fine corso per l’abilitazione al ruolo di arbitro di calcio. A presiedere la commissione d’esame il componente del Comitato Regionale Arbitri Vincenzo Francese della sezione di Battipaglia. In commissione anche il presidente della sezione di Sala Consilina Gianpiero Cafaro e l’organo tecnico Massimo Manzolillo.Domenico Tropiano invece nella funzione di segretario. L’esito positivo degli esami ha fatto sì che la sezione di Sala Consilina abbia acquisito 8 nuovi arbitri: Antonio Boccia, Daniele D’Alessio, Domenico D’Elia, Rocco Gallo, Emidio Lovaglio, Martino Monaco, Eleonora Tonti e Gianmarco Vegliante.Al termine degli esami, il presidente Cafaro e il componente Franzese, soddisfatti per il risultato conseguito, hanno espresso ai nuovi arbitri, oltre al benvenuto nella famiglia arbitrale, un grande in bocca al lupo per l’esperienza che stanno per intraprendere ricordando come sia fondamentale impegnarsi fin da subito per poter raggiungere i propri obiettivi…