Passa ai contenuti principali

Ospedale Polla. Carenza di personale specialistico e consulenze esterne, l’allarme di UIL FPL "Le risorse vengano impiegate per assumere nuove unità di personale medico"

La UIL FPL Salerno, tramite un documento a firma del Segretario delle Politiche sanitarie Biagio Tomasco, entra nel merito della questione legata all’attivazione di varie tipologie di consulenza esterna per sopperire alla carenza di personale medico specialistico dei presidi ospedalieri di Polla, Vallo della Lucania, Eboli e Roccadaspide, particolarmente per le branche di Emodinamica – UTIC, Chirurgia Vascolare, Radiologia e Neuroradiologia. “Appare evidente che il perdurare del blocco del turn over imposto dalla struttura commissariale regionale abbia acuito in maniera esponenziale la carenza di personale medico per cui, se non vi sarà un’inversione di tendenza rapida e decisa, si avranno probabili chiusure di servizi ed Unità Operative, con la conseguente compressione del diritto alla salute dei cittadini della provincia di Salerno – si legge nella lettera – La situazione viene percepita per gli Ospedali di Eboli, Roccadaspide e di Polla, soprattutto nei settori della cardiologia – UTIC e radiologia”. “Settori importantissimi, come la radiologia, sono costretti a rimodulare la propria offerta per mancanza di personale medico, tanto che ad oggi risultano bloccati tutti quei PACS che abbisognino di una semplice ecografia – continua – La risonanza magnetica, nonostante una imponente richiesta, funziona a singhiozzo per i pazienti degenti, con il risultato di allungare a dismisura le liste di attesa”. “L’Ospedale di Roccadaspide, collocato in area interna, rappresenta ad oggi l’unico presidio in grado di dare risposta immediata alle patologie tempo dipendenti, quali quelle cardiache, ma non è certo con l’attivazione delle consulenze che si può far fronte alla richiesta di salute della popolazione – scrive Tomasco – L’Ospedale di Polla, situato in un territorio ai confini con la regione Basilicata, vive un momento tragico per quanto concerne la disponibilità di personale medico, soprattutto relativamente a quelle patologie correlate all’incidenza dei tumori e delle aritmie cardiache, che in quel territorio sono in continuo aumento e che, stante la precarietà di personale medico, rappresentano una delle maggiori voci di mobilità passiva”. “Le convenzioni ad oggi poste in essere non sono la risoluzione del problema. Molto probabilmente, le ore richieste non potranno essere rese dai sanitari specialisti, in considerazione dei limiti imposti dal D. Lgs. 161/2014, ovvero probabilmente le 48 ore mensili che gli stessi potrebbero prestare le avranno già prestate, in tutto o in parte, nell’azienda di appartenenza, con il risultato di avere acceso convenzioni non idonee a risolvere il problema – conclude – Le risorse vengano impiegate per assumere nuove unità di personale medico“. – Filomena Chiappardo ondanews–

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Trovato senza vita sotto il Ponte Valiterno a Sacco il 35enne di Sala Consilina Diego Campiglia

È stato trovato senza vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno lungo la Strada Provinciale 11 del Corticato, nei pressi del centro abitato di Sacco, Diego Campiglia, il 35enne di Sala Consilina di cui non si avevano più notizie da ieri pomeriggio. Le ricerche del giovane si sono protratte per tutta la notte e questa mattina è avvenuto il tragico ritrovamento. Il recupero della salma è stato affidato ai Vigili del Fuoco rocciatori del Comando Provinciale di Salerno. Le tracce del 35enne si erano perse subito dopo uno scontro tra la sua Peugeot ed un’Alfa Romeo Giulietta avvenuto lungo la SP11. Diego Campiglia si era allontanato dileguandosi nel vuoto. Sul posto per le ricerche sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania diretti dal Capitano Mannaro Malgieri, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, quelli del Soccorso Alpino Fluviale di Salerno e i volontari di Protezione civile. L’uomo lascia la moglie e due bambine. – Chiara Di Miele…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…