15/02/16

La Regione Campania privilegia in previsione di una programmazione da attuare per dicembre 2016 il trasporto “su gomma

In totale contrasto con la politica nazionale che parla di “cura del ferro”, la Regione Campania privilegia in previsione di una programmazione da attuare per dicembre 2016 il trasporto “su gomma”, andando contro le direttive del ministro Del Rio, diversamente dalla regione Basilicata e dall’Europa, puntando su una trasformazione dei treni per Buccino in servizi automobilistici sostitutivi e negando il diritto agli spostamenti alle persone a mobilità ridotta. Il Comitato per la riattivazione della Sicignano-Lagonegro, con una nota stampa, risponde pubblicamente all’appello dell’ACAM, sul cui sito è stato pubblicato il documento con la programmazione preliminare, spiegando che in vista di Matera 2019 andrebbe potenziata la stazione di Buccino con la fermata dei Frecciargento previsti tra Taranto e Roma, per captare gli enormi flussi di turisti che viaggeranno sulla tratta con dei link-bus verso la vicina ma irraggiungibile Certosa di San Lorenzo a Padula. E’ giusto ricordare che attualmente se i treni fermano nella stazione di Buccino, punto ferroviario più vicino geograficamente al Vallo di Diano e al Lagonegrese, lo si deve alla decisione presa dalla Basilicata e dall’assessore ai trasporti della RegioneBasilicata, Aldo Berlinguer, anche per via dell’interessamento dei cittadini e dello stesso Comitato pro Sicignano-Lagonegro. Prima che queste linee programmatiche diventino definitive, continua il Comitato, occorre scongiurare la scellerata scelta della Regione Campania e fare in modo che sulla tratta Salerno-Buccino-Potenza circolino solo treni e non autobus sostitutivi. Insomma il Vallo di Diano e il Lagonegrese restano dimenticati ancora una volta: a tal proposito tra gli interventi inclusi nella proposta del patto Sud della Regione Campania è presente il ripristino della linea Benevento-Pietrelcina mentre è assente la Sicignano-Lagonegro. Il Comitato conclude così con un interrogativo. Il polo religioso di Pietrelcina viene ricordato, non ha la stessa sorte la Certosa di Padula, patrimonio UNESCO dell’Umanità?-italia2tv-

0 commenti:

Posta un commento