Passa ai contenuti principali

Il sabato “horror” di Gimi nelle campagne del Vallo di Diano: il video-shock e l’appello

Per fortuna che c’è ancora qualcuno come Gimi che… s’incazza! Il Vallo di Diano dice “NO” al Petrolio, così può continuare tranquillamente ad inquinarsi da solo. Almeno questo è quanto viene da pensare guardando le foto e le immagini del nostro video, che documenta l’ennesimo caso di inquinamento ambientale causato dall’uomo nel territorio valdianese.E così anche una semplice passeggiata nelle campagne valdianesi può trasformarsi in un incubo, come è capitato a Gimi Luisi sabato pomeriggio nel territorio di Sala Consilina, ai confini con quello di Padula e di Sassano.Chiariamolo subito: poteva accadere ovunque nel Vallo di Diano, perché parliamo di un fenomeno diffuso, che abbiamo già documentato decine di volte. Il sabato di Gimi da passeggiata nella natura si è trasformato in un horror, uno slalom per evitare incendi dolosi, cumuli di rifiuti e di spazzatura di ogni tipo, discariche abusive a cielo aperto, maiali morti e viscere di altri animali abbandonati, tavole di eternit e altro ancora.Una grandissima delusione per Gimi, che gira tutto il mondo per lavoro e che rientrando a casa si illude di tornare in una isola felice dal punto di vista ambientale.Così non è da tempo, se è vero che sono tantissime le discariche abusive disseminate un po’ dappertutto nel Vallo di Diano. Di qui l’appello di Gimi, che ci ha chiamati per documentare e denunciare questo scempio e lanciare un appello. Forse proprio perché è spesso lontano dal Vallo di Diano per lavoro Gimi ha ancora il pudore di stupirsi e di incazzarsi, vedendo le risorse ambientali territoriali maltrattate e messe in pericolo. E si domanda anche che senso abbia questa ipocrisia valdianese, che da un lato dichiara “NO” al Petrolio, alla Centrale Elettrica di Terna e alle Antenne Telefoniche, e dall’altro lato invece si rende protagonista del suo inquinamento, che produce danni ancora più gravi quotidianamente.Anche perché si inquina dove ci sono greggi che pascolano e terreni che si coltivano: un inquinamento che non mina solo il nostro sviluppo, ma finisce anche sulle nostre tavole.Sono sempre di più i cittadini valdianesi che fanno scempio dell’ambiente, abbandonando rifiuti anche pericolosi ovunque capiti, ma anche semplicemente abituandosi a tutto ciò e voltando la testa dall’altra parte. E le istituzioni contribuiscono indirettamente all’inquinamento del Vallo di Diano, nascondendo la testa nella sabbia e non combattendo in modo adeguato questa piaga che -lo abbiamo ribadito molte volte- ha origini prima di tutto culturali. Servirebbero bonifiche, controlli e punizioni esemplari, ma anche e soprattutto una martellante campagna di comunicazione per riscoprire l’orgoglio di essere valdianesi e di difendere tutti i giorni (realmente e non a chiacchiere) l’ambiente e la natura.Se continuiamo ad avere una piccola speranza che ciò possa accadere, è solo perché nel Vallo di Diano c’è ancora gente come Gimi che… s’incazza.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…

San Pietro al Tanagro, presentato “Muoviamoci in bici”, il servizio di Bike Sharing comunale

È stato presentato questa mattina a San Pietro al Tanagro il nuovo servizio di Bike Sharing comunale denominato “Muoviamoci in bici”.Già a partire da oggi si possono ritirare le schede, secondo il regolamento già pubblicato, presso gli uffici comunali o, in alternativa, presso l’esercizio commerciale convenzionato con l’Ente, la cartolibreria sita in Piazza Enrico Quaranta “Gocart” di Giovanni Graziano. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Assessore al Turismo Antonio Pagliarulo, e questa mattina è stata presentata in particolare ad una platea di giovanissimi. Entusiasta il sindaco Domenico Quaranta, che auspica una replica del Bike Sharing anche in altri comuni del Vallo di Diano, in modo da creare stazioni intercambiabili dove poter prendere a nolo o consegnare le biciclette elettriche. Intanto a San Pietro al Tanagro sono due le Stazioni al momento attive, e 20 le bici disponibili, ad un prezzo davvero competitivo: 0,25 centesimi per ogni ora.-italia2tv-