Passa ai contenuti principali

Il Comune di Polla “sfratta” un gruppo di giovani da una struttura pubblica: “Per la presenza di minori e permanenza fino a tarda notte”

il Comune di Polla ha emesso un’ordinanza con la quale ha “sfrattato” da dei locali comunali, una costituente associazione di giovani che da tempo usava la struttura. I locali comunali sono quelli dell’ex asilo nido in località Loreto. Nella missiva, firmata dal sindaco Rocco Giuliano, la decisione viene motivato dal fatto che sono giunte “numerose lamentele – è scritto nel documento – da parte dei cittadini e da parte di rappresentanti di altre associazioni asssegnatarie nei locali dell’Asilo nido, sul vostro comportamento e segnalando la presenza di giovani di minore età e il potrarsi della vostra permanenza fino a tarda ora”. In base a questa motivazione il sindaco di Polla “invita a procedere allo sgombero di tutte le suppellettili presenti e di consegnare le chiavi del locale entro quindici giorni”. Del fatto è interessato anche il corpo della Polizia locale. Una decisione che, naturalmente, da parte dei giovani interessati che avevano chiesto la struttura (da loro chiamata la “stanza”) per prove musicali non è stata accolta con entusiasmo. Anzi. Per questo motivo si sta sollevando la protesta che per ora corre sul web. E’ possibile che nei prossimi giorni potranno esserci ulteriori proteste.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

La rotonda di Caggiano è maledetta per i camion: un altro autoarticolato di traverso

C’è qualcosa che non va alla rotonda di Caggiano. Infatti questa mattina, poco dopo l’alba, un altro camion si è girato e si è posizionato in modo perpendicolare rispetto alla carreggiata. Per fortuna nessuna conseguenza per il conducente del mezzo pesante ma ancora una volta disagi per la circolazione stradale. Ancora una volta perché quel tratto di strada vede spesso incidenti simili. Solo una settimana fa un altro camion si è intraversato e sono servite diverse ore di lavoro per liberare il tratto stradale. Occorreranno delle verifiche, quindi.-italia2tv-

Sala Consilina : L'attrice Cristina Cappelli approda alla Scuola di Teatro "Paolo Grassi" di Milano

La Cooperativa Culturale La Cantina delle Arti comunica che una delle giovani attrici della Compagnia, Cristina Cappelli (nella foto con il maestro Enzo D'Arco), approda, dopo una dura selezione, alla Scuola di Teatro "Paolo Grassi" di Milano. Cristina si è avvicinata, a soli 14 anni, al Teatro della Cantina attraverso uno dei tanti Laboratori teatrali organizzati. Successivamente è entrata a far parte della Compagnia teatrale "La Cantina delle Arti": il Maestro Enzo D'Arco, capo-comico della Compagnia, ne ha scoperto le potenzialità e l'ha sempre sostenuta, fino al raggiungimento di questo importante traguardo. "La Cantina delle Arti si pone come baluardo Culturale-Artistico non solo per le attività proposte ma anche per la capacità di offrire ai giovani opportunità di formazione e di inserimento nel mondo dell'Arte teatrale - dicono i componenti della Compagnia - Ancora congratulazioni alla nostra Cristina Cappelli e come noi teatranti di…

Buonabitacolo (SA) : Perquisita questa mattina la casa di Giancarlo Guercio

Perquisita questa mattina su disposizione della Procura della Repubblica di Sala Consilina, la casa del segretario di Sinistra Ecologia e Libertà del Vallo di Diano-Golfo di Policastro, Giancarlo Guercio. Due agenti della Questura si sono prima recati presso l’abitazione della madre a Buonabitacolo e poi, in base alle informazioni della donna, presso l’abitazione di Policastro dove da qualche tempo vive Giancarlo Guercio. I due agenti hanno sequestrato il PC e alcune cassette, in relazione alla tragica morte del 21enne Massimo Casalnuovo avvenuta il 20 agosto scorso. Appena diffusasi la notizia, su Facebook si è scatenata immediatamente una vera e propria gara di solidarietà nei confronti dell’uomo politico da parte di moltissimi suoi amici, non condividendo un’azione "così forte" nei confronti di una persona animata soltanto dal desiderio di sapere la verità sulla morte di Massimo Casalnuovo, fino ad arrivare a togliergli il suo strumento di lavoro, rappresentato dal perso…