Passa ai contenuti principali

Strage di Parigi. Tanti valdianesi in Francia, Rossana racconta: “Dovevo essere in centro ma alla fine ho deciso di non uscire, poi è successo di tutto”

Rossana ha 26 anni, è di Atena Lucana, è laureata in Lingue e letterature straniere e aveva un grande sogno, la Francia. Sogno che grazie alla sua tenacia e alla sua forza di volontà ora è diventato realtà. Vive in Francia da qualche anno e quella che prima vedeva come la città più bella del mondo, ora è la sua città, la sua casa. Qui ha un lavoro, degli amici e tutto ciò che fino a qualche anno fa sognava di fare a Parigi, ora rappresenta la sua quotidianità. Ed è proprio una serata normale quella che stava trascorrendo ieri sera Rossana. “Avevo terminato il mio turno all’Hotel Felicien, dove faccio lavoro alla reception, alle 21 – racconta – e con un’amica avevamo pensato di uscire, come facciamo di solito il venerdì sera. Poi all’improviso abbiamo cambiato idea e sono ritornata a casa, nel XV arrondissement. Ed è proprio lì che ho appreso di quanto stava accadendo a qualche fermata di metro da dove abito. Ho iniziato a ricevere messaggi e chiamate dai familiari in Italia e da tanti amici e conoscenti. Ho acceso subito la tv e ho seguito tutta la diretta. Ero spaventata, nonostante mi trovassi in casa, sapendo che non ero del tutto lontana da quei luoghi”. E poi subito il pensiero per la sua famiglia, che si trova ad Atena Lucana: “La prima cosa che ho fatto è stata telefonare a casa per assicurare alla mia famiglia che io stavo bene, che ero rientrata a casa e per dirgli di stare tranquilli, per quanto possibile”. Poi la preoccupazione per i suoi amici lì a Parigi, su dove potevano essere e su come potevano stare “siamo un bel gruppetto di italiani qui, spiega Rossana, e ognuno di noi si preoccupa per l’altro. Siamo stranieri e ci siamo ritrovati qui tutti insieme, provenienti dalla stessa Italia”. Da ieri sera Rossana è rimasta in casa, ma oggi dovrà uscire per andare a lavorare e anche non vivendo proprio in quel quartiere, non nasconde che la paura c’è: “usciamo con l’ansia che qualcosa possa succedere nuovamente, racconta, ma purtroppo la quotidianità è questa, il lavoro chiama e siamo obbligati a dover affrontare la realtà. Penso solo di uscire con la massima tranquillità e massima attenzione per quanto possibile. Poi siamo tutti sotto il cielo, purtroppo…”.Sono diversi i valdianesi in Francia e a Parigi, da Facebook arrivano i messaggi che stanno bene, così come il cantante lirico Pietro di Bianco.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Entra in una concessionaria di Atena Lucana e porta via un’auto. Caccia al ladro

Una Fiat Panda è stata rubata nella mattinata di ieri dal piazzale della rivendita auto “Superauto” di Atena Lucana. Un uomo claudicante, probabilmente tra i 30 e i 35 anni, si è introdotto nella concessionaria e ha rubato l’auto, sprovvista di documenti e polizza assicurativa. Il titolare della concessionaria, dopo essersi reso conto della mancanza dell’auto, ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri della Stazione di Sala Consilina che ora indagano per risalire all’autore del furto, utilizzando anche gli elementi forniti dal sistema di videosorveglianza.-ondanews-

Arbitri. 8 nuovi giovani fischietti della Sezione AIA di Sala Consilina superano gli esami di fine corso

Si sono svolti gli esami di fine corso per l’abilitazione al ruolo di arbitro di calcio. A presiedere la commissione d’esame il componente del Comitato Regionale Arbitri Vincenzo Francese della sezione di Battipaglia. In commissione anche il presidente della sezione di Sala Consilina Gianpiero Cafaro e l’organo tecnico Massimo Manzolillo.Domenico Tropiano invece nella funzione di segretario. L’esito positivo degli esami ha fatto sì che la sezione di Sala Consilina abbia acquisito 8 nuovi arbitri: Antonio Boccia, Daniele D’Alessio, Domenico D’Elia, Rocco Gallo, Emidio Lovaglio, Martino Monaco, Eleonora Tonti e Gianmarco Vegliante.Al termine degli esami, il presidente Cafaro e il componente Franzese, soddisfatti per il risultato conseguito, hanno espresso ai nuovi arbitri, oltre al benvenuto nella famiglia arbitrale, un grande in bocca al lupo per l’esperienza che stanno per intraprendere ricordando come sia fondamentale impegnarsi fin da subito per poter raggiungere i propri obiettivi…