Passa ai contenuti principali

L’Enel chiede circa 50mila euro per il rudere di Arena Bianca, la rabbia del Comune di Montesano: “Richiesta esosa”

Il progetto del Comune di Montesano di recuperare la “casetta” dell’Enel in località Arena Bianca si va a scontrare con le richieste economiche pervenute dalla società all’Amministrazione. Dopo le numerose segnalazioni e richieste dell’Amministrazione comunale l’Enel ha fatto pervenire una stima del costo dei lavori di consolidamento e del valore dell’immobile per una eventuale cessione al patrimonio al Comune guidato da Donato Fiore Volentini. “Come è noto, l’Amministrazione Comunale, con due note, la prima nel 2012, l’altra nel 2014, – racconta l’assessore Giuseppe Rinaldi – aveva chiesto anche il comodato dell’immobile per renderlo fruibile, decoroso e primariamente sicuro per l’incolumità pubblica e privata. A fronte della stima che valuta i lavori in 35.500 euro e il valore dell’immobile, così com’è, in 19.700 euro, ci vediamo costretti, nostro malgrado, a procedere, come per legge in materia di sicurezza degli edifici”. L’assessore commenta con amarezza il costo di quasi ventimila euro dell’edificio in quanto oramai diventato un rudere. “La localizzazione del fabbricato – sottolinea Rinaldi – potrebbe, previa riqualificazione, essere immobile strategico anche per il pubblico utilizzo rendendo così maggiormente decorosa, sia da un punto di vista estetico che urbanistico, l’area di Santa Maria di Loreto di Arena Bianca”. E invece di fronte alle alte richieste di Enel il Comune per ora risponde no “in quanto la cifra non è percorribile per il bilancio comunale oltre che estremamente onerosa”. Per questo persistendo la situazione di pericolo per i privati cittadini e in considerazione del decoro urbano per la centralità dell’edificio il Comune chiede all’Enel – come da diffida inviata a marzo – di procedere alla messa in sicurezza a spese della società dell’edificio in quanto “persiste una situazione di pericolo per i cittadini e rappresenta un problema di decoro urbano per la centralità dell’edificio”.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

La rotonda di Caggiano è maledetta per i camion: un altro autoarticolato di traverso

C’è qualcosa che non va alla rotonda di Caggiano. Infatti questa mattina, poco dopo l’alba, un altro camion si è girato e si è posizionato in modo perpendicolare rispetto alla carreggiata. Per fortuna nessuna conseguenza per il conducente del mezzo pesante ma ancora una volta disagi per la circolazione stradale. Ancora una volta perché quel tratto di strada vede spesso incidenti simili. Solo una settimana fa un altro camion si è intraversato e sono servite diverse ore di lavoro per liberare il tratto stradale. Occorreranno delle verifiche, quindi.-italia2tv-

Sala Consilina : L'attrice Cristina Cappelli approda alla Scuola di Teatro "Paolo Grassi" di Milano

La Cooperativa Culturale La Cantina delle Arti comunica che una delle giovani attrici della Compagnia, Cristina Cappelli (nella foto con il maestro Enzo D'Arco), approda, dopo una dura selezione, alla Scuola di Teatro "Paolo Grassi" di Milano. Cristina si è avvicinata, a soli 14 anni, al Teatro della Cantina attraverso uno dei tanti Laboratori teatrali organizzati. Successivamente è entrata a far parte della Compagnia teatrale "La Cantina delle Arti": il Maestro Enzo D'Arco, capo-comico della Compagnia, ne ha scoperto le potenzialità e l'ha sempre sostenuta, fino al raggiungimento di questo importante traguardo. "La Cantina delle Arti si pone come baluardo Culturale-Artistico non solo per le attività proposte ma anche per la capacità di offrire ai giovani opportunità di formazione e di inserimento nel mondo dell'Arte teatrale - dicono i componenti della Compagnia - Ancora congratulazioni alla nostra Cristina Cappelli e come noi teatranti di…

Buonabitacolo (SA) : Perquisita questa mattina la casa di Giancarlo Guercio

Perquisita questa mattina su disposizione della Procura della Repubblica di Sala Consilina, la casa del segretario di Sinistra Ecologia e Libertà del Vallo di Diano-Golfo di Policastro, Giancarlo Guercio. Due agenti della Questura si sono prima recati presso l’abitazione della madre a Buonabitacolo e poi, in base alle informazioni della donna, presso l’abitazione di Policastro dove da qualche tempo vive Giancarlo Guercio. I due agenti hanno sequestrato il PC e alcune cassette, in relazione alla tragica morte del 21enne Massimo Casalnuovo avvenuta il 20 agosto scorso. Appena diffusasi la notizia, su Facebook si è scatenata immediatamente una vera e propria gara di solidarietà nei confronti dell’uomo politico da parte di moltissimi suoi amici, non condividendo un’azione "così forte" nei confronti di una persona animata soltanto dal desiderio di sapere la verità sulla morte di Massimo Casalnuovo, fino ad arrivare a togliergli il suo strumento di lavoro, rappresentato dal perso…