Passa ai contenuti principali

Teggiano: fedeli in montagna per portare la statua della Madonna, scoprono una chiesa antica

Una chiesa probabilmente del V secolo dopo Cristo scoperta durante una passeggiata in montagna. E’ quanto accaduto a Teggiano. Occorre naturalmente avere le conferme da parte delle autorità competenti ma quanto avvenuto ieri a Teggiano, sul cozzo dell’Angelo, è una bella storia da raccontare. L’associazione Amici di San Paolo, con i consiglieri Sonia Marino e Lisa Babino tra gli altri tra i partecipanti e con il nuovo parroco di San Marco, Vincenzo Gallo, e numerosi cittadini sia di Teggiano che di San Rufo. Andiamo ai fatti. L’associazione Amici di San Paolo vuole portare in cima al Monte una statuetta della Madonna a protezione di tutto il Vallo di Diano. Si tratta di un’aera che si erge sul territorio e da dove è possibile ammirare il Vallo da Caggiano a Montesano sulla Marcellana. Si vede anche la cima del Monte di Viggiano e si individua quasi il puntino della Chiesa della Madonna nera. Inoltre alle spalle si controlla la Sella del Corticato che è l’accesso dal lato Tirrenico. L’idea dell’associazione è quella di portare portare la madonnina e una croce con una luce a led, così che la notte si potesse vedere, a protezione del territorio. Il gruppo di volontari che ha costruito la croce con un mulo verso le otto del mattino sale su monte e comincia a lavorare, scavando una buca per posizionare il crocifisso. La seconda parte della delegazione don Don Vincenzo Gallo pare un po’ più tardi per benedire croce e madonnina. Una volta arrivati sul posto ecco la scoperto. I volontari trovano un muro e continuano a scavare per capirne le dimensioni. L’ex assessore ai beni culturali, Sonia Maria, si accorge però che non è un muro qualsiasi. Ci sono dei dipinti. I bambini presenti a quel punto raccolgono e scartano tutti i frammenti che non avevano distinto fossero parte dell’affresco. A questo punto i volontari con una delicatezza cominciano a togliere la terra dallo scavo rendendosi conto anche loro della parte di figura che stava venendo fuori. Decidono quindi di coprire bene l’opera e avvertire la Sopraintendenza per dire cosa scoperto. A breve ci saranno delle ulteriori indagini per capire di cosa si tratta. La prima ip0tesi è che si possa trattare di una chiesetta del V secolo dopo Cristo.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Entra in una concessionaria di Atena Lucana e porta via un’auto. Caccia al ladro

Una Fiat Panda è stata rubata nella mattinata di ieri dal piazzale della rivendita auto “Superauto” di Atena Lucana. Un uomo claudicante, probabilmente tra i 30 e i 35 anni, si è introdotto nella concessionaria e ha rubato l’auto, sprovvista di documenti e polizza assicurativa. Il titolare della concessionaria, dopo essersi reso conto della mancanza dell’auto, ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri della Stazione di Sala Consilina che ora indagano per risalire all’autore del furto, utilizzando anche gli elementi forniti dal sistema di videosorveglianza.-ondanews-

Arbitri. 8 nuovi giovani fischietti della Sezione AIA di Sala Consilina superano gli esami di fine corso

Si sono svolti gli esami di fine corso per l’abilitazione al ruolo di arbitro di calcio. A presiedere la commissione d’esame il componente del Comitato Regionale Arbitri Vincenzo Francese della sezione di Battipaglia. In commissione anche il presidente della sezione di Sala Consilina Gianpiero Cafaro e l’organo tecnico Massimo Manzolillo.Domenico Tropiano invece nella funzione di segretario. L’esito positivo degli esami ha fatto sì che la sezione di Sala Consilina abbia acquisito 8 nuovi arbitri: Antonio Boccia, Daniele D’Alessio, Domenico D’Elia, Rocco Gallo, Emidio Lovaglio, Martino Monaco, Eleonora Tonti e Gianmarco Vegliante.Al termine degli esami, il presidente Cafaro e il componente Franzese, soddisfatti per il risultato conseguito, hanno espresso ai nuovi arbitri, oltre al benvenuto nella famiglia arbitrale, un grande in bocca al lupo per l’esperienza che stanno per intraprendere ricordando come sia fondamentale impegnarsi fin da subito per poter raggiungere i propri obiettivi…