Passa ai contenuti principali

RC Auto, non è più obbligatorio esporre sulle vetture il tagliando assicurativo attestante il pagamento

Dallo scorso 18 ottobre non è più necessario esporre sulla propria autovettura il tagliando dell’assicurazione che ne attesta il pagamento: ora a dimostrare se l’automobilista è assicurato è la targa del veicolo. Tutti i conducenti di veicoli che possono circolare in strada, quindi anche i possessori di motocicli, non sono più tenuti ad esibire il contrassegno cartaceo dell’Rc auto. Come previsto dal decreto ministeriale 110 del 9 Agosto 2013, le verifiche da parte delle forze dell’ordine partiranno dalla targa del veicolo tramite il sistema telematico Targa System, e incrociando i dati con gli archivi della motorizzazione, possono scoprire se il conducente è regolarmente assicurato; lo stato delle polizze rc auto viene verificato direttamente con le compagnie assicurative, e quest’ultime devono aggiornare sistematicamente le anagrafiche dei clienti. Ma come mai il tagliando della polizza RC auto è stato eliminato? Il motivo principale della sua cancellazione è quello di evitare le frodi, in quanto il vecchio tagliando cartaceo si poteva contraffare e consentiva a molti malintenzionati di non pagare l’assicurazione auto: si stima che in Italia circolino 3 milioni e mezzo di veicoli privi di regolare contrassegno RCA. Il passaggio al controllo telematico è stato pensato proprio per mettere fine all’aumento dei falsi documenti dell’assicurazione. Il fenomeno della contraffazione del tagliando della polizza auto è molto diffuso, e con questo nuovo sistema si punta ad identificare i trasgressori, a ridurre le frodi e, in futuro, ad abbassare il premio dell’assicurazione rc. Nella fase iniziale di questa transizione al nuovo tagliando elettronico le compagnie assicurative continueranno a consegnare agli automobilisti il classico contrassegno di colore giallo, il quale non dovrà essere esposto in quanto avrà solamente la funzione di informare il cliente. Successivamente la compagnia consegnerà solo una copia del contratto di polizza insieme alla ricevuta di pagamento, che dovrà essere utilizzata in caso di incidente: gli automobilisti coinvolti nel sinistro dovranno obbligatoriamente scambiarsi le informazioni riguardanti l’assicurazione, anche successivamente all’entrata in vigore della riforma.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…

San Pietro al Tanagro, presentato “Muoviamoci in bici”, il servizio di Bike Sharing comunale

È stato presentato questa mattina a San Pietro al Tanagro il nuovo servizio di Bike Sharing comunale denominato “Muoviamoci in bici”.Già a partire da oggi si possono ritirare le schede, secondo il regolamento già pubblicato, presso gli uffici comunali o, in alternativa, presso l’esercizio commerciale convenzionato con l’Ente, la cartolibreria sita in Piazza Enrico Quaranta “Gocart” di Giovanni Graziano. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Assessore al Turismo Antonio Pagliarulo, e questa mattina è stata presentata in particolare ad una platea di giovanissimi. Entusiasta il sindaco Domenico Quaranta, che auspica una replica del Bike Sharing anche in altri comuni del Vallo di Diano, in modo da creare stazioni intercambiabili dove poter prendere a nolo o consegnare le biciclette elettriche. Intanto a San Pietro al Tanagro sono due le Stazioni al momento attive, e 20 le bici disponibili, ad un prezzo davvero competitivo: 0,25 centesimi per ogni ora.-italia2tv-