Passa ai contenuti principali

I Comuni del Vallo di Diano rischiano di perdere milioni di euro dei Fondi Europei: due mesi di tempo per evitare il peggio

A rischio decine e decine di milioni di euro per i Comuni del Vallo di Diano e dei paesi limitrofi. Una cifra che arriva fino a quasi 300 milioni se si considera l’intera provincia di Salerno. Si tratta dei fondi europei 2007-2013 destinati alla costruzione di opere o messa in sicurezza varie (strade e fognature soprattutto). Soldi che sono arrivati alla Regione Campania ma che – soprattutto per lungaggini burocratiche e macchina amministrativa lenta – rischiano seriamente di perdersi se non “consumati” entro il 31 dicembre. L’inchiesta è stata portata avanti da Diletta Turco su “Il Mattino” e mette in evidenza il forte rischio di perdere i fondi, di mettere in difficoltà i Comuni e di mandare in fallimento alcune aziende edili. Nei regolamenti per i fondi europei c’è una norma che dà “incarico” ai Comuni di completare le spese laddove i soldi non arrivino alla Regione. E si tratta di milioni e milioni di euro impossibili da recuperare per le amministrazioni locali. Insomma una situazione complicata con sindaci e amministratori in ansia per capire come comportarsi. E in questa situazione si trovano quasi tutti i Comuni del comprensorio. Atena Lucana ha spese previste per oltre 3 milioni, così come Auletta. Poco meno per Buonabitacolo (2.520.000 euro). Sfiorano i sei milioni di euro i progetti finanziati per Caggiano. Poco più di un milione per Casalbuono. La lista è lunga, le cifre esagerate. Montesano sulla Marcellana supera il milione di euro. Cifra tonda per Padula (3milioni di euro) con il sindaco Imparato che ha già protestato ufficialmente denunciando la situazione. I fondi che riguardano Polla toccano quasi i 5 milioni di euro. Soldi a rischio anche a Sala Consilina (2.500.000 euro), Salvitelle, San Pietro al Tanagro (1.310.000 euro), Sant’Arsenio (1.800.000 euro), Sanza (1.700.000 euro circa) e, infine, quasi due milioni di euro per Teggiano.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

La rotonda di Caggiano è maledetta per i camion: un altro autoarticolato di traverso

C’è qualcosa che non va alla rotonda di Caggiano. Infatti questa mattina, poco dopo l’alba, un altro camion si è girato e si è posizionato in modo perpendicolare rispetto alla carreggiata. Per fortuna nessuna conseguenza per il conducente del mezzo pesante ma ancora una volta disagi per la circolazione stradale. Ancora una volta perché quel tratto di strada vede spesso incidenti simili. Solo una settimana fa un altro camion si è intraversato e sono servite diverse ore di lavoro per liberare il tratto stradale. Occorreranno delle verifiche, quindi.-italia2tv-

Sala Consilina : L'attrice Cristina Cappelli approda alla Scuola di Teatro "Paolo Grassi" di Milano

La Cooperativa Culturale La Cantina delle Arti comunica che una delle giovani attrici della Compagnia, Cristina Cappelli (nella foto con il maestro Enzo D'Arco), approda, dopo una dura selezione, alla Scuola di Teatro "Paolo Grassi" di Milano. Cristina si è avvicinata, a soli 14 anni, al Teatro della Cantina attraverso uno dei tanti Laboratori teatrali organizzati. Successivamente è entrata a far parte della Compagnia teatrale "La Cantina delle Arti": il Maestro Enzo D'Arco, capo-comico della Compagnia, ne ha scoperto le potenzialità e l'ha sempre sostenuta, fino al raggiungimento di questo importante traguardo. "La Cantina delle Arti si pone come baluardo Culturale-Artistico non solo per le attività proposte ma anche per la capacità di offrire ai giovani opportunità di formazione e di inserimento nel mondo dell'Arte teatrale - dicono i componenti della Compagnia - Ancora congratulazioni alla nostra Cristina Cappelli e come noi teatranti di…

Buonabitacolo (SA) : Perquisita questa mattina la casa di Giancarlo Guercio

Perquisita questa mattina su disposizione della Procura della Repubblica di Sala Consilina, la casa del segretario di Sinistra Ecologia e Libertà del Vallo di Diano-Golfo di Policastro, Giancarlo Guercio. Due agenti della Questura si sono prima recati presso l’abitazione della madre a Buonabitacolo e poi, in base alle informazioni della donna, presso l’abitazione di Policastro dove da qualche tempo vive Giancarlo Guercio. I due agenti hanno sequestrato il PC e alcune cassette, in relazione alla tragica morte del 21enne Massimo Casalnuovo avvenuta il 20 agosto scorso. Appena diffusasi la notizia, su Facebook si è scatenata immediatamente una vera e propria gara di solidarietà nei confronti dell’uomo politico da parte di moltissimi suoi amici, non condividendo un’azione "così forte" nei confronti di una persona animata soltanto dal desiderio di sapere la verità sulla morte di Massimo Casalnuovo, fino ad arrivare a togliergli il suo strumento di lavoro, rappresentato dal perso…