Passa ai contenuti principali

Uno scambio di scatole di cellulari all’acquisto e una donna del Vallo di Diano rischia di essere indagata per ricettazione

Due contenitori di cellulari invertiti, una possibile distrazione del negoziante, un furto e una indagine per ricettazione a una signora ignara di tutto. Accade nel Vallo di Diano, dove una donna, una imprenditrice, ha dovuto fare i conti con una serie di inconvenienti e soprattutto con la Legge a causa di un iniziale scambio di scatole. Andiamo per ordine: la donna acquista un cellulare in un negozio del Vallo di Diano. Sceglie quello esposto in una vetrina. Il cellulare viene messo nella scatola e avviene l’acquisto. Qualche mese dopo l’acquisto però la donna viene chiamata dai carabinieri e accusata di ricettazione e furto. Il cellulare da lei usato risulta essere stato rubato a una ragazza di Sala Consilina. La donna, stupita, si reca in caserma e mostra scatola e scontrino d’acquisto. Ma il numero sulla scatola non è lo stesso del cellulare. La ragazza salese, infatti, per denunciare il furto del telefonino ha portato in caserma il contenitore, e ha fornito il numero presente sulla scatola. E quello è lo stesso del cellulare dell’imprenditrice. Insomma una situazione kafkiana dovuta con molta probabilità a uno scambio di contenitori al momento dell’acquisto. “Quando mi hanno chiamato i carabinieri – racconta l’imprenditrice – si può immaginare il mio stupore nel sentire le accuse a mio carico. Nella denuncia si parlava di furto avvenuto il 10 dicembre quando io, tra l’altro, ho acquistato il cellulare un mese prima. Ma per dimostrare la mia innocenza ho portato in caserma scatola e scontrino e sono rimasto ancor di più stupita dal fatto che i numeri (Imei) fossero diversi”. Scatta quindi il sequestro del cellulare della imprenditrice, come corpo del reato. “A questo punto – racconta ancora – sono andata dal negoziante per chiedere spiegazioni, senza però avere risposte esaustive”. L’imprenditrice e la derubata nel frattempo si incontrano, si chiariscono e la seconda ritira la denuncia. “La parte legale si è conclusa così – sottolinea la donna – anche se il mio cellulare risulta ancora sequestrato. Mi dispiace che in questa situazione senza aver fatto nulla ho rischiato di essere indagato per furto e ricettazione e non ho ricevuto scuse da chi doveva fornirmele”.-italia2tv-

Commenti

Post popolari in questo blog

Casa Surace a Sanremo 2018. “Proveremo a far mangiare il caciocavallo a Claudio Baglioni”

I ragazzi di Casa Surace e Sanremo 2018 sono il binomio che da qualche ora impazza sui social e, in particolare, nel Vallo di Diano, terra di origine di parte dei componenti della casa di produzione ormai nota in lungo e in largo per tutto lo Stivale grazie ai divertenti video, dal chiaro sapore meridionale, che mettono in evidenza vizi e virtù della generazione ai tempi dei social.Andrea Di Maria, Daniele Pugliese, Bruno Galasso, Riccardo Betteghella e gli altri “coinquilini” saranno infatti tra i protagonisti della 68^ edizione del Festival della Canzone Italiana in onda su Raiuno dal 6 al 10 febbraio, condotta da Claudio Baglioni in compagnia di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.Il ruolo di Andrea & Co. sarà particolare e decisamente social. Da metà gennaio, infatti, i ragazzi di Casa Surace partiranno in tour dal Sud (il luogo di partenza è in fase di definizione) diretti verso Sanremo. Nel corso del viaggio per la “Città dei Fiori” riempiranno un pacco con oggetti, me…

Nel Vallo di Diano: lo scrutinio dura troppo, marito pretende che la moglie scrutatrice torni a casa prima. Intervengono i carabinieri

Episodi quanto meno particolari e parole grosse sono volate all’interno di un seggio del Vallo di Diano. L’episodio più “strano” è capitato intorno alle 5 del mattino quando, un uomo ha chiesto al presidente, non con toni gentilissimi, di far tornare la moglie, scrutatrice, a casa considerato che fosse tardi. L’uomo, ha ascoltato l’intervento del presidente di seggio che spiegava che la cosa non era possibile, e ha iniziato ad inveire tanto che il presidente si è visto costretto a chiamare i carabinieri per farlo allontanare dal seggio. Il secondo episodio invece si riferisce ad una persona che voleva votare all’esterno della cabina elettorale. Ripreso per dye volte dal presidente di seggio , si è deciso ad entrare nella cabina ma non senza rivolgere duri attacchi verbali.. Nuovo intervento dei carabinieri per sedare l’animo dell’elettore ed accompagnarlo fuori. Altri episodi si sono registrati nei seggi del Vallo di Diano con chiusure anche a mattina inoltrata considerata la lente…

San Pietro al Tanagro, presentato “Muoviamoci in bici”, il servizio di Bike Sharing comunale

È stato presentato questa mattina a San Pietro al Tanagro il nuovo servizio di Bike Sharing comunale denominato “Muoviamoci in bici”.Già a partire da oggi si possono ritirare le schede, secondo il regolamento già pubblicato, presso gli uffici comunali o, in alternativa, presso l’esercizio commerciale convenzionato con l’Ente, la cartolibreria sita in Piazza Enrico Quaranta “Gocart” di Giovanni Graziano. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Assessore al Turismo Antonio Pagliarulo, e questa mattina è stata presentata in particolare ad una platea di giovanissimi. Entusiasta il sindaco Domenico Quaranta, che auspica una replica del Bike Sharing anche in altri comuni del Vallo di Diano, in modo da creare stazioni intercambiabili dove poter prendere a nolo o consegnare le biciclette elettriche. Intanto a San Pietro al Tanagro sono due le Stazioni al momento attive, e 20 le bici disponibili, ad un prezzo davvero competitivo: 0,25 centesimi per ogni ora.-italia2tv-